CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

21.07.2018

I commercianti in trincea per il calo dei profitti Tutti gli altri applaudono

L’aspetto attuale di  via Marconi che attraversa l’abitato di Edolo
L’aspetto attuale di via Marconi che attraversa l’abitato di Edolo

Cosa ne pensa la gente e cosa ne pensano gli esercenti delle due importanti opere viabilistiche programmate a Edolo? Sono decisamente (quasi tutti) contrari alla bretella esterna all’abitato i titolari delle attività che si affacciano su piazza Martiri e via Marconi: la vedono come fumo negli occhi e temono che i loro affari possano andare completamente a rotoli. Adducendo i più svariati motivi, anche i più ostili a questa infrastruttura, i quali come alternativa preferiscono naturalmente la «demolizione» del monumento austroungarico, non danno però nome e cognome alla loro (legittima) preoccupazione e preferiscono esternare il loro malumore mugugnando a taccuino chiuso. Diverse persone invece non vedono l’ora di liberarsi dal traffico: «Premesso che sull’argomento non sono preparata - dice una signora che abita in via Marconi -, penso però che la variante sia la soluzione ideale per la vivibilità del paese». La pensa allo stesso modo una delle poche esercenti della piazza che ha parlato: «Credo che il centro senza traffico, senza mezzi pesanti soprattutto, sia un valore aggiunto per tutti». Un’altra donna che per decenni ha gestito un bar e che ora si occupa di un ristorante poco distante, sostiene che una volta completato l’intervento «bisognerà creare nuovi parcheggi oltre il fiume, e dare una sistemata alla piazza per permettere ai pullman di fermarsi». «COMPLETAMENTE favorevole - aggiunge un ex autista seduto al tavolino di un bar -: non si può andare avanti a forza di ingorghi e blocchi. Ben venga, e speriamo che non succeda come col traforo del Mortirolo». Un geometra in pensione boccia senza mezzi termini l’allargamento («devastante») della breve galleria e invita le parti in causa a impiegare la somma (oltre tre milioni) in due opere attese da tempo e facilmente concretizzabili: «Un parcheggio sotterraneo a fianco del palazzo comunale, il cui progetto è stato redatto vent’anni fa, e l’ampliamento di piazza Martiri coprendo via Gelpi, la cui carreggiata andrebbe ribassata di un paio di metri nel suo tratto finale».

L.FEBB.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1