Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 15 dicembre 2017

Lotta agli ambulanti abusivi
Scatta il piano anti-molestie

Un controllo davanti all’ospedale edoleseLa guardia di finanza di Edolo verifica un venditore ambulante (BATCH)

C’erano le violazioni delle norme del commercio e di quelle non scritte del rispetto all’origine dei controlli a tappeto che ieri mattina, a Edolo, hanno riguardato i venditori ambulanti di origine straniera che si aggirano nel centro storico. Piccoli commercianti sempre all’opera nonostante da un paio d’anni un’ordinanza del sindaco proibisca questa attività nel centro e nei luoghi più frequentati del paese.

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, due pattuglie della guardia di finanza della Brigata di Edolo hanno fermato alcune persone che, specialmente il martedì, giorno di mercato, sono solite proporre a quanti incontrano (in particolare agli anziani), spesso con troppa insistenza, l’acquisto di oggetti vari. Altri poi chiedono alle persone che raggiungono l’ospedale una moneta in cambio di un posto auto.

È un fenomeno molto diffuso, e a pochi mesi dal suo insediamento, per cercare di arginare il fenomeno che stava assumendo contorni davvero sgradevoli (con anziani edolesi molestati anche all’uscita dalla messa), il sindaco Luca Masneri aveva emesso un’ordinanza che vietava a questi commercianti di proporre la loro mercanzia nel centro e nelle vicinanze dell’ospedale, delle scuole e delle chiese. Per alcuni mesi la situazione era nettamente migliorata e in giro si erano visti sempre meno venditori. Poi, poco alla volta, sono tornati e hanno ripreso a darsi da fare, arrivando in alcuni casi anche a cercare di intimidire i conducenti dei veicoli che non versavano l’obolo richiesto.

Una risposta è arrivata ieri dalle fiamme gialle, che per tre ore hanno perlustrato le vie adiacenti l’ospedale e la piazza antistante la chiesa di San Giovanni.

COME e perché è stato attuato questo servizio? «L’input ci è arrivato da un piano operativo predisposto dal nostro Comando provinciale - spiega il maresciallo capo Massimo Caloro, comandante dei finanzieri edolesi - che punta a controllare la regolarità di queste persone dal punto di vista commerciale, amministrativo e della loro presenza sul territorio nazionale. L’operazione ci ha consentito di verificare sei soggetti, e non escludo che nell’immediato futuro altri servizi mirati possano svolgersi anche in altre località nella nostra giurisdizione».

Tutti i venditori intercettati sono stati portati nella caserma di via Roma dove sono stati sottoposti a ulteriori accertamenti, e pare che tutti fossero in regola con la normativa che regola il commercio ambulante. Certo è che a volte il loro modo di proporsi sfiora davvero la molestia. Per questo i cittadini che hanno assistito ai controlli hanno apprezzato il lavoro delle fiamme gialle.