CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.07.2018

Marmo e legno, l’alta valle crea un nuovo gemellaggio artistico

Una immagine dell’edizione 2017 della gara di scultura edolese
Una immagine dell’edizione 2017 della gara di scultura edolese

È una sorta di alleanza tra marmo e legno quella che sarà sancita da un gemellaggio tra i due simposi di scultura messi in cartellone rispettivamente a Vezza d’Oglio e a Edolo. Due eventi artistici di portata mondiale che sicuramente richiameranno centinaia di visitatori nelle due località turistiche dell’alta valle. «La superficie del suono» è il tema scelto quest’anno dagli organizzatori del meeting che dal 2016 Vezza dedica al marmo bianco estratto dalla storica cava del Boron. Sette scultori (ma sono state più di cinquanta le candidature vagliate dalla giuria) lavoreranno da sabato al 4 agosto, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18, negli spazi adiacenti il Centro eventi Adamello per realizzare le loro opere con la pietra utilizzata già dai Romani duemila anni fa. La presentazione dei partecipanti avverrà alle 18 di sabato. Una mostra che racchiude opere d’arte contemporanea nella Torre Federici e un concerto (domenica alle 14.30) nell’area estrattiva a 1600 metri di quota, e dismessa decenni fa, faranno poi da cornice al simposio che chiuderà i battenti sabato 4 agosto con la premiazione dello scultore più votato dalla giuria popolare. «Se fosse musica, danza o poesia» è invece il titolo della quinta edizione di «Lignum summer art», in calendario da lunedì a domenica 5 agosto in piazzale Orobica (la zona mercatale coperta) di Edolo. Trenta gli scultori invitati provenienti da 15 Paesi (anche qui, come a Vezza, le richieste di partecipazione sono state moltissime), al lavoro tutti i giorni per ricavare da grossi tronchi la scultura che vincerà l’edizione 2018. LUNEDÌ in municipio la cerimonia di benvenuto e il taglio dell’asse con motosega da parte del sindaco Lica Masneri per dare il via ufficiale alla manifestazione ideata dall’artista malonnese Ivan Mariotti, e supportata dall’amministrazione e dal rappresentante zonale della «Still», Canti di Lombro di Corteno Golgi. Nelle serate di martedì 31 luglio, giovedì 2 e sabato 4 agosto si terrà anche la terza edizione del campionato mondiale di Speed carving: gli scultori avranno un paio d’ore per intagliare tre opere con la motosega. Le prime due serata in via Porro, chiusa al traffico per l’occasione, la terza nell’area coperta. Le premiazioni il 5 agosto alle 20,30, seguite dalla cerimonia di gemellaggio con il simposio del marmo di Vezza. Un’altra cerimonia, sempre legata alla scultura, è poi fissata per la mattinata di domenica nella frazione edolese di Vico: la piazza della piccola borgata sarà intitolata al famoso scultore argentino Luis Perlotti, originario proprio di questa comunità. Ci saranno i rappresentati del consolato argentino di Milano, dell’associazione italo-latino americana «Volver» e del Museo de esculturas Luis Perlotti di Buenos Aires. Resta da dire che tutto il ricavato dell’evento verrà utilizzato per l’acquisto di defibrillatori da donare alle scuole dell’Unione delle Alpi Orobie Bresciane. •

Lino Febbrari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1