CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.07.2017

Scompare mentre
cerca funghi: il figlio lo
ritrova in una scarpata

Il 74enne immobilizzato su una barella e recuperato dalla scarpataI soccorritori al lavoro
Il 74enne immobilizzato su una barella e recuperato dalla scarpataI soccorritori al lavoro

Attimi di paura e di apprensione, con un gran dispiegamento di forze, ma alla fine non sarebbe in pericolo di vita il 74enne di Galleno, S.M. le iniziali, che nel pomeriggio di ieri, durante un’escursione nei boschi di casa in cerca di funghi, è precipitato rovinosamente per un centinaio di metri in una scarpata, in località Pradella.

A dare l’allarme è stato uno dei figli dell’anziano, che non vedendo rincasare il padre, uscito dopo pranzo, attorno alle 17.30 ha deciso di andare a cercarlo. Fortuna ha voluto che, conoscendo alla perfezione le sue abitudini e i luoghi in cui è solito muoversi, lo abbia localizzato quasi subito in fondo a un ripido crinale.

Lungo il quale il 74enne era scivolato probabilmente già da alcune ore e dal quale non era poi riuscito a risalire fino al sentiero soprastante.

IMMEDIATA la telefonata partita per il 112, seguita dall’arrivo sul posto dei vigili del fuoco dei distaccamenti di Edolo e dell’Aprica, ai quali si sono affiancati per il complesso intervento di recupero i tecnici del Soccorso Alpino della stazione di Edolo. Il ferito è stato prima stabilizzato e immobilizzato su una barella, poi, attraverso una manovra di recupero a contrappeso, è stato trascinato fino al sentiero che sovrasta la ripida scarpata. Da qui il trasporto a mano fino a un fuoristrada del Soccorso Alpino, a bordo del quale il 74enne ha percorso 500 metri di mulattiera fino al prato nel quale era già stata fatta atterrare l’eliambulanza inviata da Sondrio.

S.M. ha riportato una ferita alla testa, vari traumi e contusioni ma non ha mai perso conoscenza durante le operazione di soccorso e recupero. È stato ricoverato poco dopo le 20.30 all’ospedale di Sondalo, in provincia di Sondrio.

Le sue condizioni sono costantemente monitorate.

Lino Febbrari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1