Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 11 dicembre 2017

Centri commerciali, no grazie
Scatta la mobilitazione in valle

Un momento dell’assemblea sul commercio tenutasi a Breno (BATCH)

È uno stop deciso, anche se piuttosto tardivo, quello che arriva da Meetup Valle Camonica Amici di Beppe Grillo e Movimento 5 Stelle nei confronti della costruzione sul territorio valligiano di nuovi centri commerciali. Uno stop affiancato da un invito a difendere l’economia locale che si traduce anche in un invito concreto ai commercianti di prossimità, quelli travolti dalla concorrenza della grande distribuzione, a sostenere la campagna del «no».

Una campagna avviata nei giorni scorsi e che prevede una raccolta di firme su tutto il territorio, e rilanciata in una assemblea pubblica ospitata nell’auditorium Mazzoli di Breno: un nuovo incontro a tema con i cittadini è in calendario per venerdì alle 21 nella sala Avis di Esine.

L’ULTIMA apertura in ordine di tempo l’ha realizzata il gruppo Conad, e va ad aggiungersi ai tre supermercati già presenti sulla piazza esinese e alla quindicina operanti fra Darfo ed Edolo. Un sovradimensionamento che, secondo i 5 Stelle, oltre a penalizzare fortemente i piccoli negozi comporta un grande consumo di suolo.

Adesso, queste ragioni il gruppo di lavoro «Consumo di suolo e Grande distribuzione organizzata & c.» le riversa sui commercianti, ai quali durante l’assemblea coordinata da Sandro Simoncini è stata chiesta una collaborazione concreta per la raccolta delle firme nei rispettivi esercizi . I promotori dell’iniziativa, che hanno già battuto il territorio per sensibilizzare i residenti sul tema, trasmetteranno poi la petizione ai sindaci (alcuni dei quali definiti «poco illuminati e magari anche poco trasparenti in materia» durante l’assemblea perché «svendono i piccoli negozi in cambio di una rotonda o di opere pubbliche»), alla Comunità montana e ai presidenti di Provincia e Regione, con allegato l’invito ad attivarsi per impedire ulteriori aperture sostenendo al contrario i piccoli negozi di vicinato.

Realtà che vanno difese: lo ha affermato durante l’assemblea il consigliere regionale del Movimento Dario Violi, richiamando «la professionalità dei gestori che viene svilita dal proliferare della grande distribuzione. La nostra raccolta firme non è contro gli amministratori, che comunque dovrebbero pianificare meglio e dire basta ai colossi».

Sempre a questo proposito si registra anche l’intervento del presidente della Provincia Pier Luigi Mattinelli, il quale invita l’assessore regionale al Commercio Mauro Parolini a «farsi carico di un intervento legislativo che introduca un indice di pressione per la grande distribuzione, possibile solo in zone compatibili con la presenza del commercio di vicinato».