CHIUDI
CHIUDI

31.10.2018

Strade a rischio, incroci e rondò Nuovi cantieri per la sicurezza

La prima rotatoria realizzata a Piancamuno 4 anni fa
La prima rotatoria realizzata a Piancamuno 4 anni fa

A un solo giorno dalla scadenza del proprio mandato presidenziale, ma senza violare regole e buonsenso dato che non si è rimesso in corsa per un nuovo incarico provinciale, Pier Luigi Mottinelli ha concluso nella sua Valcamonica il tour per le firme su una lunga serie di accordi di programma a sfondo viabilistico con Comuni ed enti locali. Ieri mattina, in Comunità montana a Breno, il presidente uscente del Broletto ha sottoscrito uno degli ultimissimi documenti ufficiali, questa volta relativi alle opere di riqualificazione della sp 1 tra via Galilei e la località Colombine a Piancamuno, e alla realizzazione della nuova rotatoria sulla sp 8 Piancogno-Esine-Bienno, sul territorio esinese. PRESENTI i due sindaci Giorgio Giovanni Ramazzini ed Emanuele Moraschini, e il presidente comunitario Oliviero Valzelli, Mottinelli ha ricordato che nel periodo del suo mandato, e con il sostegno del consigliere delegato ai rapporti con gli enti montani Gianpiero Bressanelli, sono stati diversi gli interventi attuati in Valcamonica sulla rete stradale di competenza provinciale. Ricordando che 4 anni fa, proprio all’esordio del presidente uscente, venne realizzata la grande rotatoria che razionalizza il traffico anche verso Montcampione, il sindaco di Piancamuno si è soffermato sul futuro intervento che contribuirà «ad assicurare una migliore viabilità nelle zone del centro abitato interessate da una forte circolazione veicolare e pedonale. Si preparano un attraversamento pedonale sulla provinciale e la messa in sicurezza dell’incrocio tra le vie Santa Giulia, Rosini e Galilei». Per quest’opera verranno impegnati 320 mila euro, 190 mila dei quali messi a disposizione della Provincia e 130 mila dal municipio. Sarà determinante in un punto in cui in passato si sono verificati anche incidenti mortali, come ha ricordato il primo cittadino Emanuele Moraschini, anche la rotatoria da realizzare sulla sp 8 nel territorio di Esine. L’amministrazione provinciale l’ha finanziata per 170 mila euro a fronte di un impegno di spesa di 330 mila. La Comunità montana metterà a disposizione 50 mila euro e il Comune i 110 mila restanti potendo contare sulla donazione di un privato. Margherita Ameraldi, vedova di Oberto Ameraldi, cultore del costume, studioso di storia dell’arte e delle tradizioni di Esine, ha infatti lasciato all’amministrazione 4 garage, dalla cui vendita verrà ricavata la somma da destinare all’importante opera pubblica. •

Luciano Ranzanici
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1