Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 14 novembre 2018

Un’esplosione di colori sui muri della palestra

Uno dei grandi murales realizzati a Esine dagli artisti di «Art of Sool»

I tristi e grigi muri della palestra comunale hanno assunto toni e tonalità diverse grazie a un’idea dell’assessore alla Cultura Roberta Fiorini, che per colorare in modo intelligente le pareti della struttura ha contattato tre giovani artisti del collettivo «Art of Sool» - Nick, Claudio e Mark - e ha offerto loro la possibilità di dare libero sfogo alla fantasia. I tre si sono fatti promotori di una jam, convocando a Esine una ventina di artisti da tutta Italia che hanno dato vita a un vero e proprio ritrovo di writer per dipingere e per valorizzare così le pareti esterne dell’impianto sportivo. Il tutto a costo zero per le casse del Comune, che come quasi tutti gli enti locali può disporre di fondi esigui per questo tipo di iniziative. Ci hanno pensato i ragazzi di «Art of Sool» a contattare una serie di sponsor privati, che hanno coperto le spese sostenute per l’acquisto dei colori e per il vitto e l’alloggio, mentre l’assessore Fiorini si è occupato dei permessi. In meno di dieci giorni su alcune pareti della palestra e addirittura in piazza Falcone e Borsellino sono stati disegnati una serie di vivacissimi murales, anche contenenti simboli camuni, che stanno incontrando il favore dei residenti. Il tema proposto dai tre artisti camuni era «Il bosco» e su questa traccia hanno lavorato i writer (c’era anche un olandese). Roberta Fiorini e un gruppo di volonterosi prima della performance collettiva avevano provveduto a stendere le basi sulle quali gli artisti avrebbero poi lavorato. Inoltre, l’assessore si era cautelato promettendo al sindaco Emanuele Moraschini che se i murales non fossero piaciuti li avrebbe rimossi. I commenti sono stati positivissimi, pochi i pareri contrari, e ora dal Comune arriva il grazie agli artisti che hanno permesso di realizzare le opere, su tutti i ragazzi di «Art of Sool» Nick Neim, Matw e ilClod; e poi Eight, Mr. Blob, Lost, Etsom, Pac, Tetro, Tackle 0, Yellow Fat 750 ml, Nina Octofly, Gloria e Thomas. • © RIPRODUZIONE RISERVATA