Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

Niardo comune virtuoso: «L’ambiente una priorità»

Pannelli fotovoltaici sulle scuole

L’approvazione al termine della recente seduta del consiglio comunale delle cinque linee guida dello statuto, ha di fatto sancito l’adesione di Niardo all’Associazione dei Comuni Virtuosi, grazie alle buone pratiche adottate in campo ambientale. La soddisfazione del sindaco Carlo Sacristani è palpabilissima quando spiega: «Il nostro Comune - secondo in Valle Camonica dopo Malegno - ha centrato un importante e prestigioso obiettivo. Ringrazio in particolare il consigliere Dino Turelli che ha svolto un ottimo lavoro come delegato alla gestione della procedura, consentendo così una valutazione positiva sul buon operato svolto dall’amministrazione comunale in tema di sostenibilità ambientale». IL SINDACO elenca poi diligentemente gli interventi già realizzati: dall’adesione al Paes (il Piano d’Azione Sostenibile) alla riduzione dei consumi, in special modo di anidride carbonica, dall’attivazione della casetta dell’acqua, che consente di incidere positivamente sull’utilizzo di bottiglie di plastica, all’installazione di pannelli fotovoltaici sulla copertura della scuola media e del centro diurno per anziani. Sacristani infine ricorda la riqualificazione delle elementari attraverso la sostituzione della copertura, dei serramenti e dell’impianto fotovoltaico con accumulo, per ridurre il consumo di energia elettrica e la dispersione termica. Il primo cittadino passa poi a spiegare i due interventi in fase di avvio: la centralina idroelettrica sul torrente Re a ridottissimo impatto ambientale e il passaggio alla tecnoclogia Led per l’illuminazione pubblica. «È UN GRANDE onore essere tra i comuni virtuosi, e questa adesione rappresenta anche un’opportunità di miglioramento per l’amministrazione tutta, specie in considerazione dell’opportunità di confronto con altre realtà virtuose italiane». In provincia di Brescia sono 17 i comuni che fanno parte dell’associaizone, mentre a livello nazionale sono 100 quelli che posseggono le caratteristiche richieste. © RIPRODUZIONE RISERVATA