CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.12.2017

Porticciolo di Toline, si parte e i privati sostengono il sogno

L’aspetto attuale del porticciolo di Toline di Pisogne
L’aspetto attuale del porticciolo di Toline di Pisogne

Domenico Benzoni La barchetta sotto casa, le uscite di buon mattino con la speranza di una pesca abbondante, le remate nei pomeriggi d’estate per godersi la brezza del lago, lo scarico del sale per la conservazione delle sardine. Ricordi che affiorano nella mente di chi ha vissuto a Toline di Pisogne fino agli inizi degli anni Sessanta, quando il piccolo agglomerato a ridosso del Sebino era un villaggio di pescatori. Oggi non è più così, ma qualcuno vorrebbe far rivivere i tempi passati. Tra questi un paio di imprenditori, che hanno pensato bene di contribuire nel rimettere a nuovo il vecchio porticciolo e la darsena, da tempo abbandonati e inghiottiti dalle sterpaglie. I loro nomi: Giancarlo Tempini della «Ecostil» e Vittorio Bonomi di «Mp gas». Sfruttando le facilitazioni fiscali previste dal ministeriale «Art bonus» hanno deciso di girare al Comune 27.500 euro ciascuno. Saranno aggiunti ad altri 56 mila che metterà a disposizione l’Autorità di Bacino, sempre per ripristinare l’antico porto storico di Toline. Presto quelli che oggi sono i rimasugli di un muro di attracco e di un minuscolo molo potranno tornare alla bellezza originaria. Fondale dragato, sistemazione delle superfici lapidee fronte lago, la possibilità di ormeggio per alcuni posti barca, un camminamento con gradonata di accesso, la sistemazione del verde e una serie di punti luce a terra sono i punti di forza del progetto di riqualificazione. Centoundici mila euro l’investimento previsto. I LAVORI, aggiudicati con un ribasso d’asta non comune (pari al 33%), prenderanno il via entro venerdì e dovranno concludersi in un centinaio di giorni. «L’operazione è inserita in una strategia di valorizzazione dell’asse Nord Sud della fascia spondale di Pisogne - ha ricordato il sindaco Diego Invernici - e rientra nelle attenzioni che l’amministrazione comunale sta riservando alle frazioni». Poi la sottolineatura dell’orgoglio espresso dall’intera giunta per il fatto di avere sul territorio imprenditori che riservano attenzione al patrimonio storico del paese in cui sono nati e cresciuti e dove hanno la loro attività produttiva. Con la prossima primavera, dunque, chi percorrerà la pista ciclabile in quel di Toline potrà anche godersi il porticciolo dei primi del Novecento, riportato a nuova vita grazie alla «rilettura delle funzioni originarie - così scrive l’architetto Ombretta Ferrari nel progetto - riqualificando a livello ambientale la fruizione degli spazi e delle percezioni visive verso il lago e verso la costa prospiciente». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1