CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.02.2018

Suggestioni tra i faggi: torna la «Ciaspalot»

Tutti a   spasso con le racchette sulla neve della Val Palot
Tutti a spasso con le racchette sulla neve della Val Palot

Le fiaccole lungo il percorso, un tragitto tra i boschi particolarmente suggestivo che ogni tanto apre scorci notturni sul fondovalle; il manto bianco che riflette la luce della luna e tanti camminatori di ogni età, pronti a cimentarsi su un percorso che costeggia gli impianti sciistici, un antico roccolo, il rifugio Medelet e sentieri tra abeti e faggi. Sono gli ingredienti della quattordicesima «Ciaspalot», in programma sulla montagna di Pisogne nella serata di sabato 3 marzo. SARÀ una occasione per vivere l’emozione della luna piena accompagnati da un amico, da un familiare, da chiunque ami il silenzio invernale della natura. «Un’esperienza da vivere una volta nella vita», ricordavano gli organizzatori in occasione delle prime edizioni. Ma per molti alla prima volta ne è seguita una seconda e pure una terza. Al punto che le iniziali poche centinaia di partecipanti di edizione in edizione si sono moltiplicati, fino a superare la soglia dei 1.500. «Non ci interessano i grandi numeri, ma ogni volta che riproponiamo la manifestazione gli appassionati non mancano - commentano gli organizzatori -. Il nostro obiettivo è quello di offrire una bella cornice alle persone che si avvicinano a questa pratica, e contemporaneamente far conoscere la nostra Val Palot». Il sindaco Diego Invernici e l’assessore Walter Zanelli hanno invece posto l’accento «sulla promozione del turismo montano, sul valore aggregativo che richiama bambini e adulti e sulla valenza economica dell’indotto che la Ciaspalot porta con sé». Se negli ultimi anni sono stati solitamente più di un migliaio a calzare le racchette da neve per inoltrarsi nei boschi, è stato calcolato almeno il doppio delle presenze nei locali. Dopo quattordici anni l’iniziativa è entrata nel cuore di molti, e non solo dei pisognesi, visto che si contano presenze da tutta la Lombardia e che nel passato c’è stata pure una rappresentanza siciliana. Chi sale in Val Palot, dopo averla scoperta prima o dopo ci torna ed è questo l’obiettivo di tutti. Tanti e aderenti a diverse associazioni i volontari «scritturati» per garantire sicurezza e tranquillità ai ciaspolatori che parteciperanno alla camminata al chiaro di luna. E quest’anno ci sarà pure la novità del primo trofeo «Bau» riservato ai cani sulla neve. Come sempre due i percorsi, uno per i più allenati e un secondo adatto alle famiglie. Per tutte le informazioni www.ciaspalot.it. •

Domenico Benzoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1