CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.01.2018

L’«ice music» dalla Svezia alla Norvegia

Singolare per l’Italia, usuale per chi con il ghiaccio deve fare i conti dodici mesi all’anno. Gli strumenti musicali «sotto zero» sono ormai una consuetudine in Svezia e in Norvegia, dove, grazie anche all’estro di Tim Lihart, da anni si tengono addirittura dei festival interamente dedicati alla musica «surgelata». Con violini, viole, chitarre, vibrafoni, incredibili installazioni sonore e persino stordenti composizioni a cavallo tra ambient ed elettronica. Il tutto, manco a dirlo, all’interno di sale da concerto ricavate nel ghiaccio, magari nel cuore di una montagna e nel bel mezzo di una piana gelata. VISITATORI e ascoltatori da tutto il mondo ogni anno affollano i festival scandinavi, che affidano progetti speciali anche a musicisti rinomati. Basta un giro sui siti icemusicfestival.no e icemusic.se per rendersi conto dell’effetto che possono avere tali performance sul pubblico. Uno spettacolo per pochi, ovviamente sotto zero.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1