Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 14 novembre 2018

La MangiaeVai 2018 mobilita aquile e cervi

Ponte di Legno: uno scorcio della «MangiaeVai» 2018

Baciata dal sole, riscaldata da temperature africane nonostante la quota e, senza una goccia d’acqua caduta dal cielo ad alleviare la fatica dei partecipanti, la 14esima «MangiaeVai» di Ponte di Legno è stata archiviata con risultati lusinghieri. Più di 2000 le persone che domenica mattina, dalle 9 alle 11.30, si sono incamminate (a scaglioni di 150 ogni dieci minuti per non sovraffollare i punti di ristoro) da Santa Apollonia. LUNGO i sentieri delle Valli delle Messi e di Viso per poco più di 11 chilometri (un tragitto senza pendenze proibitive, tanto che c’erano decine di passeggini spinti da mamme e papà) hanno apprezzato i prodotti locali nelle varie tappe, dall’aperitivo ai salumi, dai celebri calsù allo spezzatino con polenta, per finire con i formaggi, i dolci e i liquori ottenuti distillando le erbe aromatiche che crescono nei parchi dell’Adamello e dello Stelvio. È stato anche un tour alla scoperta della flora e della fauna del territorio: per la gioia soprattutto dei bambini, in località Pirli, dove era fissato il punto di osservazione, i carabinieri forestali che tutelano lo Stelvio sono riusciti a scovare con i binocoli alcuni cervi nascosti tra gli ontani per ripararsi dalla calura, e più in alto, tra le rocce del Montozzo, un paio di camosci e una coppia di aquile reali che volteggiavano alla ricerca di cibo. «È stata una bellissima esperienza poter ammirare questi animali - hanno commentato moglie e marito arrivati da Pescara con due bimbi al seguito per la loro terza camminata -. Ringraziamo i carabinieri forestali e gli organizzatori di questa manifestazione che ci è entrata nel cuore. Il prossimo anno torneremo». •