CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

23.12.2017

Natività con i fiocchi sulle piste E dopo lo sci spazio allo shopping

Piste al top della qualità nel comprensorio dell’alta Valcamonica
Piste al top della qualità nel comprensorio dell’alta Valcamonica

Lino Febbrari L’altezza, a volte, fa la differenza. Anche quando non nevica o nevica poco. Proprio grazie all’altitudine del proprio comprensorio, l’alta Valcamonica ha potuto sfruttare le basse temperature attrezzando perfettamente le piste da sci e rendendosi attrattiva in questi giorni di festa. Poi anche il cielo ci ha messo del suo, e soprattutto grazie all’ultima, provvidenziale nevicata, da qualche giorno sono usufruibili tutti gli oltre cento chilometri di tracciati del carosello che si snoda dai tremila metri del ghiacciaio Presena fino alle porte di Temù. Dopo il record di presenze turistiche registrato in occasione del ponte dell’Immacolata (quasi 300 mila passaggi registrati complessivamente sugli impianti di risalita) e l’altro grande primato, in questo caso negativo, archiviato dalla viabilità (con la statale del Tonale paralizzata per ore fin dal primo mattino), da domenica la stagione invernale entrerà nel vivo, e viste le ottimali condizioni del demanio è prevedibile che tra Natale (anche se come vuole la tradizione molti lo trascorreranno in famiglia), Santo Stefano, San Silvestro e Capodanno il miglior debutto degli ultimi anni possa facilmente essere battuto con numeri da capogiro (sempre riferiti ai primi ingressi e ai successivi passaggi). OVVIAMENTE se lo augurano gli operatori del settore, a partire dalle società che gestiscono gli impianti, che hanno dato mandato ai rispettivi «gattisti» di lisciare le discese di Ponte e Temù come se fossero il tappeto di un bigliardo. E naturalmente se lo augurano gli albergatori per riempire le proprie strutture e anche quanti operano nell’indotto: dai ristoratori ai negozianti, passando per i titolari di tutte le altre attività cosiddette collaterali (nell’elenco anche i noleggiatori di motoslitte), che con la neve riescono a sbarcare il lunario. Cosa fare dopo una giornata trascorsa tra una discesa e l’altra? Come sempre le proposte messe insieme nei due paesi sono numerose e diversificate. Dai classici presepi (va segnalata innanzitutto la caratteristica natività allestita nell’abitato di Vione fino all’Epifania, ma anche la rappresentazione vivente per le vie di Temù fissata per la notte di Natale) agli spettacoli e concerti; su tutti quello del Complesso Filarmonico Lombardo in cartellone nel palazzetto dello sport di Ponte di Legno per la serata di mercoledì 27 dicembre. In elenco anche i mercatini di fine anno «Tabià de Nadàl» messo in scena da Temù, la cui inaugurazione è prevista per il pomeriggio di venerdì 29 dicembre. Per finire citiamo anche la bella e facile passeggiata di circa 10 chilometri nel magico silenzio nei boschi di Sonico in calendario per sabato 30 dicembre. SCORRENDO tra le decine e decine di iniziative programmate ne abbiamo elencate solamente alcune che, a nostro giudizio probabilmente, saranno in grado di richiamare frotte di partecipanti. Ce ne sono tantissime altre, organizzate in tutti i paesi del comprensorio, alle quali residenti e turisti potranno partecipare. Per saperne di più basta consultare i siti internet delle amministrazioni comunali del territorio e delle pro loco. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1