CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.02.2018

Un week end con i campioni Al Tonale è di scena il paraski

L’attimo conclusivo di un lancio guidato al TonaleIl minuscolo bersaglio che i paracadutisti devono centrare
L’attimo conclusivo di un lancio guidato al TonaleIl minuscolo bersaglio che i paracadutisti devono centrare

Come previsto, sopra i mille metri di quota la neve è tornata (abbondante) in alta valle. Tra mercoledì e ieri mattina la perturbazione ha portato 20/30 centimetri di coltre fresca a Ponte di Legno, quasi mezzo metro al del Tonale e oltre un metro ai Tremila del Presena. I fiocchi hanno imbiancato il panorama fino a Edolo; ma in basso si sono sciolti in poche ore non appena tra le nuvole hanno iniziato a filtrare i primi raggi del Sole. LE CONDIZIONI meteo avevano costretto gli organizzatori ad annullare, giovedì mattina, i lanci col paracadute dei rangers del battaglione Monte Cervino, l’evento che avrebbe dovuto dare il via alla seconda tappa della Coppa del Mondo di Paraski. Così, l’importante manifestazione sportiva che abbina lo sci ai lanci frenati è iniziata regolarmente ieri sulla pista «Cinque dossi», con la disputa delle due manche di slalom gigante che hanno visto schierati al cancelletto di partenza una quarantina di atleti tra donne e uomini appartenenti a otto nazioni. I salti nel vuoto da un’altezza di circa 900 metri sono invece iniziati attorno alle 13.30 e proseguiranno anche nelle giornate di oggi e di domani. «È una iniziativa singolare», commenta il vicepresidente del consorzio Ponte di Legno Tonale, Michele Bertolini, che nella zona del sacrario militare ha seguito le spettacolari evoluzioni dei concorrenti (impegnati a centrare un minuscolo bersaglio: un tappetino di venticinque centimetri al cui centro è collocato un punto giallo che se colpito con un piede lancia un segnale sonoro); «un evento che comunque contribuisce a diffondere nel mondo il nome della nostra stazione turistica. E poi godiamoci questa bella nevicata che ci permetterà di affrontare il resto della stagione con una buona scorta di materia prima». «C’è tanta gente sulle piste - aggiunge Bertolini - e per il fine settimana ne aspettiamo ancora di più». Che le cose vadano bene lo dicono anche i numeri: i report del consorzio evidenziano un più 15% di utenti rispetto allo scorso anno. E se sotto Natale a farla da padrone sono state le piste di Ponte e Temù, ora gli sciatori, soprattutto i molti stranieri delle settimane bianche, si distribuiscono su tutto il comprensorio. • L.FEBB.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1