Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
giovedì, 23 novembre 2017

Ambiente, la Valsabbia scopre l’e-bike

Le biciclette a pedalata assistita sono in costante aumento

Valsabbia sui pedali. Prende forma il progetto «Duebike», per un cicloturismo ecosostenibile basato sull’utilizzo delle biciclette a pedalata. Mezzi che oltre alla forza del ciclista, possono contare anche sulla spinta di un motore elettrico, che oltre a essere silenzioso ed ecologico, rende meno faticose ascese e pedalate.

«UN MEZZO alla portata di tutti - spiega Peter Dragoni, tra i promotori del progetto - appassionati, sportivi professionisti, turisti, enti e amministrazioni, scuole, associazioni, gruppi sportivi e attività turistiche e ricettive. Per i privati e per le famiglie, per chi non ha mai usato la bicicletta normale. Un mezzo che consente di valorizzare il territorio in tutti i suoi aspetti». Ma ci sono anche altri obiettivi da raggiungere: l’integrazione della mappatura dei sentieri con le ciclabili esistenti per un’offerta turistica di qualità, la pulizia dei percorsi per prevenire i rischi idrogeologici, l’incremento della produzione di energia con impianti di cogenerazione, la valorizzazione delle realtà agricole, da recuperare o riconvertire in alloggi e punti di ricarica per le e-bike, l’approntamento di percorsi tematici.

Con la e-bike, oggi in forte espansione, il cui costo va dai 2.000 ai 5.000 euro, si raggiungono i 25 chilometri orari. Per 80 chilometri in auto il costo è di 6 euro, con la bici bastano 10 centesimi.

Tanti gli impieghi possibili. Da quello sportivo (percorsi mtb, downhill, competizioni e aree d’allenamento) a quello escursionistico (per cicloamatori e famiglie, collaborando con le associazioni del territorio), culturale (valorizzare il patrimonio con visite guidate, uscite scolastiche, rassegne a tema e altro) ed enogastronomico. Il progetto è dei fratelli Peter e Leonardo Dragoni con altri collaboratori, e coinvolge ogni possibile attore nella sua ecosostenibilità: la Comunità Montana, che ha già pronta la carta dei sentieri, privati, sponsor, il Gal del Garda e della Valsabbia, il mondo dell’informazione, i promotori turistici, i produttori di energia sostenibile.

«È una valida opportunità che va nella giusta direzione: la valorizzazione del territorio per un pieno sviluppo turistico». Ora, come è emerso dalla giornata di presentazione del progetto a tutti i possibili attori, non resta che partire, con ognuno pronto a fare la sua parte.