CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

23.12.2017

Cava sul Tesio, i dubbi restano

Alessandro Gatta «Se potessi tornare indietro, di certo cambierei qualcosa: bisogna anche avere l’umiltà di dirlo». Così il vicesindaco Sergio Bertoloni in consiglio, in risposta all’interpellanza congiunta presentata dalle minoranze di Gavardo Rinasce e Gavardo in Movimento sulla riapertura della cava in località Strubiana: tema caldo degli ultimi giorni anche a seguito delle nuove istanze presentate dal «Comitato di salvaguardia del Monte Tesio», che ha rinnovato le perplessità sul passaggio di mezzi pesanti in centro abitato, e in particolare lungo via degli Alpini. Niente di nuovo: tutto ancora fermo. «La Fassa Bortolo non ha nessuna fretta di cominciare, né tanto meno la Provincia - ha detto ancora Bertoloni - Per quanto riguarda via degli Alpini, l’azienda mi ha comunicato verbalmente che per la loro perizia, la strada è idonea al passaggio dei camion. Non appena mi verrà presentato il documento scritto lo consegnerò a tutti i consiglieri, e anche al Comitato se me lo chiede». Viene invece cassata la proposta di realizzare una strada alternativa: un investimento troppo oneroso, continua Bertoloni, «anche perché non è vero che quella cava potrebbe fruttare 60 milioni di euro, non c’è mica l’uranio». Non sono attuabili nemmeno le proposte avanzate dal comandante della Polizia Locale, Luca Quinzani, ma senza polemica: «Con lui c’è un buonissimo rapporto, gli abbiamo appena rinnovato il contratto». NELLO SPECIFICO, il numero uno della Locale aveva presentato, in subordine all’ipotesi di un percorso alternative, alcune proposte «per mitigare i rischi di incidenti»: tra queste la limitazione della velocità a 30 chilometri l’ora, la limitazione delle dimensioni dei veicoli in transito, l’utilizzo di via degli Alpini secondo fasce orarie. Certo la polemica non finisce: se il Comitato (presente in sala con una piccola rappresentanza) si dice non soddisfatto delle risposte, lo stesso vale per le minoranze. «Apprezziamo il tentativo, ma così non basta – ha detto Silvio Lauro di Gavardo in Movimento - Una vicenda che ci lascia perplessi, forse la conferma del pressapochismo con cui è stata affrontata, e di una sorta di sfilacciamento interno: sembra che gli uffici nemmeno si parlino». «Nessun pressapochismo - ha concluso il vicesindaco Bertoloni - La questione mi ha segnato sia dal punto di vista prettamente politico che da quello umano». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1