CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

10.01.2018

Il caso «porta a porta» apre una falla a destra

La Comunità montana replica agli azzurri di Gavardo
La Comunità montana replica agli azzurri di Gavardo

Il nuovo corso della raccolta differenziata in Valsabbia deve ancora iniziare ma suscita già (o meglio ancora) polemiche. A pochi mesi dal primo affondo estivo sul tema, a tornare ancora alla carica è Liviano Bussi, il coordinatore di Forza Italia a Gavardo che attacca duramente il progetto del porta a porta che coinvolgerà tutti i 26 Comuni legati alla Comunità montana, e lo fa chiamando in causa in particolare il presidente comunitario Giovanmaria Flocchini. «LE BUGIE hanno le gambe corte - scrive Bussi -; così il primo gennaio non è partito nulla, a parte i bonifici per pagare i consulenti, i cestini multicolori, le spazzatrici e il personale, Charlie Cinelli e altre amenità. Il cronoprogramma fatto approvare da tutti i consigli comunali, che prevedeva l’avvio del servizio appunto il primo gennaio, è già morto e sepolto». Non mancano critiche nemmeno sull’affidamento: «Non pare logico che un Comune affidi il servizio alla Comunità montana, la quale si avvale della propria controllata Secoval per costituire un’altra società per la raccolta dei rifiuti, la Servizi ambiente energia Vallesabbia, la quale compra un ramo d’azienda da Gavardo servizi e a oggi non ha le autorizzazioni necessarie per iniziare, costringendo così a un rinnovo dell’appalto già sciolto con sei mesi d’anticipo ad Aprica». «Non voglio entrare nella discussione - replica Flocchini - ma voglio ricordare a Bussi che la scelta è stata approvata da tutti i consigli comunali, all’unanimità e in tutta la valle, indipendentemente dal colore politico. Il voto favorevole di 26 Comuni è per noi la conferma di come il nostro percorso sia stato condiviso e trasparente. Per quanto riguarda la fase attuativa il ritardo non è così importante, siamo in linea con i tempi che ci siamo prefissati e nelle prossime ore presenteremo tutte le date: a Gavardo, per esempio, inizieremo ai primi di febbraio». • AL.GAT.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1