CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

30.11.2017

L’ospedale ringrazia Taglio del nastro per l’ecocardiografo

La cerimonia di inaugurazione del nuovo ecocardiografo
La cerimonia di inaugurazione del nuovo ecocardiografo

Un bel regalo di Natale per l’ospedale di Gavardo: è stato ufficialmente inaugurato ieri (ma in realtà è attivo da circa un mese) il nuovo ecocardiografo da quasi 200mila euro, donato al reparto di cardiologia da un gruppo di 25 benefattori del Garda e della Valsabbia, imprenditori da Lavenone a Desenzano, da Bedizzole a Vobarno, rappresentati dalla cooperativa La Cordata di Roè Volciano. Un macchinario ad altissima tecnologia che grazie alle sue potenzialità permetterà di ampliare il ventaglio delle prestazioni. «Adesso in reparto abbiamo una Ferrari - sorride il primario Gian Franco Pasini - Uno strumento di ultima generazione, che ci consente di vedere cose che mai pensavamo di poter vedere, e di elaborare quindi informazioni mai così precise». «Voglio ringraziare personalmente tutti quelli che hanno contribuito - ha detto invece il direttore generale Peter Assembergs - persone che vogliono bene al nostro ospedale e ai nostri professionisti, e che hanno fatto un investimento in salute, che aiuterà tantissimi pazienti». Il reparto di cardiologia gavardese si conferma all’avanguardia: attrezzato di 18 posti letto, lo scorso anno ha effettuato 4152 visite, 6396 elettrocardiogrammi, 3341 ecografie. La struttura è dotata poi di un laboratorio di ecografia cardiovascolare tra i più attrezzati d’Italia. Nel team non mancano nemmeno 4 medici specializzati nell’eco-cardiografia dei neonati. • A.GAT. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1