CHIUDI
CHIUDI

29.11.2018

«Mercato spezzatino? Scelta necessaria»

Il mercato di Gavardo del mercoledì è il più grande della Valsabbia
Il mercato di Gavardo del mercoledì è il più grande della Valsabbia

A Gavardo non si placa la querelle sul mercato «spezzatino»: sul tema interviene ancora l’ex assessore al commercio Elisa Maioli, che difende la proposta dell’amministrazione comunale sulla divisione permanente dei banchi del mercoledì, anche al termine dei lavori di posa del nuovo acquedotto (che in piazza Aldo Moro proseguiranno almeno fino a gennaio). «Ho chiesto al commissario di mantenerlo come da progetto - spiega Maioli - perché questo è uno spostamento necessario per motivi di sicurezza e viabilità, un traguardo raggiunto dopo lunghe trattative ad ampio raggio». IL MERCATO è diviso in tre poli ormai dai primi di novembre: dovrebbe essere una situazione provvisoria, e alla fine dei lavori tutto dovrebbe tornare come prima. Ma da qui a gennaio le cose potrebbero cambiare: per questo anche di recente non sono mancate le polemiche, degli ambulanti e delle associazioni di categoria. «Va chiarito che finché ci sono i lavori il mercato non può esprimere tutto il suo potenziale - continua Maioli - ma ribadisco che una suddivisione definitiva sarebbe necessaria, per motivi di viabilità e soprattutto di sicurezza. Facendo così, si libera la strada centrale di piazza Aldo Moro, e consente ad esempio il passaggio delle autoambulanze. Dal punto di vista pratico, la nuova disposizione del mercato ha più spazio, perché prima era molto stretto, e in alcuni punti le persone passavano a malapena. E oltre al guadagno in vivibilità, e in viabilità, ci sono anche dei nuovi parcheggi: tutti quelli del cimitero che ora sono al servizio dei banchi di via Stazione, oltre che gli stalli di sosta che si sono liberati con lo spostamento delle bancarelle». Il mercato di Gavardo con i suoi 155 banchi è il più grande della Valsabbia: la scorsa primavera il consiglio ha approvato la suddivisione in tre poli, tra piazza Aldo Moro, via Stazione e via Schiave. La maggioranza non ha però fatto in tempo a concludere l’iter, a cui mancava ancora la pubblicazione della planimetria definitiva e un ultimo passaggio in consiglio: a luglio infatti è arrivato il commissario. •

A.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1