CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.04.2017

Padre accusato di abusi
sulla figlia, decisa la perizia

In tribunale disposta una perizia
In tribunale disposta una perizia

Sarà sottoposta a una perizia per verificare la capacità di testimoniare una giovane che accusa il padre di violenza sessuale: così ha deciso ieri il tribunale di Brescia.

LA PRIMA SEZIONE penale, in composizione collegiale, presidente Maria Chiara Minazzato, è chiamata a pronunciarsi su una vicenda particolarmente delicata e drammatica venuta alla ribalta delle cronache nei mesi scorsi, quando un padre venne arrestato, ai «domiciliari», con l’accusa di violenza sessuale nei confronti della figlia, all’epoca minorenne. Secondo l’accusa gli abusi sessuali si sarebbero protratti per almeno quattro anni. Il padre, fino a poco prima dell’arresto era un allenatore di calcio femminile, sport praticato anche dalla figlia.

NELL’UDIENZA di ieri è stata fissata la data, il 9 maggio prossimo, in cui verrà conferito l’incarico della perizia sulla ragazza. Sempre ieri, però sono stati anche interrogati dei testimoni: l’insegnante d’italiano della giovane, la tutor scolastica, una compagna di squadra, il direttore sportivo e una compagna scuola.

Proprio un tema della ragazza avrebbe indotto l’insegnante ad approfondimenti dai quali è nata l’inchiesta.

Dopo l’arresto del padre, che inizialmente era stato ristretto ai domiciliari, in un comune della Valsabbia, la ragazza, sulla base di quanto stabilito dal tribunale dei minori, era stata ospitata in una struttura protetta. Ora è tornata a casa, mentre il padre, difeso dagli avvocati Maria Elena Poli ed Enrico Cortesi, si trova da un’altra parte.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1