CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.11.2017

Sul mercato «spezzatino»
gli strali degli ambulanti

Il mercato settimanale di Gavardo
Il mercato settimanale di Gavardo

Ancora nervi tesi a Gavardo tra ambulanti e Comune in merito all’ipotesi di spostare alcune bancarelle (dovrebbero essere 35) del mercato settimanale, il più grande della Valsabbia con 156 ambulanti. Mercoledì scorso, giorno di mercato, le associazioni di categoria Anva e Confesercenti hanno distribuito un volantino di protesta agli avventori.

«L’Amministrazione vuole spostare i nostri banchi in una sede che giudichiamo non idonea - scrivono gli ambulanti - spezzettandolo tra piazza Aldo Moro e via Stazione. Una scelta che mette in discussione la sopravvivenza di molte delle nostre aziende, che si vedrebbero isolate ed escluse dai flussi dei frequentatori. Il mercato è tale e vivo solamente se mantiene una propria unità e continuità. In futuro, se l’amministrazione continuerà in questa direzione, siamo pronti a protestare e a manifestare il nostro disagio».

LA QUERELLE si trascina dalla scorsa estate: durante i lavori in piazza Marconi, chiusa al traffico, il troncone di piazza Aldo Moro era già stato riaperto per non congestionare la viabilità. L’esperimento però alla maggioranza era piaciuto, tanto da proporlo in pianta stabile: per motivi di sicurezza e viabilità, per permettere il passaggio delle ambulanze, in vista dei lavori per le nuove fognature. «Non è che perché gira un volantino abbiamo cambiato idea - commenta il vicesindaco Sergio Bertoloni - perché allora potremmo chiedere a tutta la cittadinanza se tutti sono d’accordo che quella strada il mercoledì sia chiusa. I banchetti per vari motivi da lì dobbiamo toglierli: certo la cosa va approfondita, per questo che lunedì incontreremo i rappresentanti degli ambulanti».A.GAT.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1