Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

Caccia, la stagione è iniziata
all’insegna del tiro ai rapaci

La femmina di gheppio uccisa (BATCH)

Non è stata una rete e neppure una trappola: è stata una fucilata ad abbattere il primo rapace vittima della nuova stagione venatoria nel Bresciano; una femmina di gheppio centrata probabilmente proprio domenica, prima giornata «ufficiale» di caccia dopo la preapertura.

Nel suo volo nel cielo di Caino ha «incontrato» una scarica di pallettoni, e sulla base della dinamica, resta il dubbio: uno sparo partito per sbaglio a un cacciatore o volutamente a un bracconiere?

Segnalata soltanto martedì sera dopo l’incontro lungo un sentiero, la presenza del piccolo rapace ferito - e per questo precipitato sulla collina che sovrasta il paese - è stata comunicata al servizio di soccorso organizzato dalla Polizia provinciale che la mattina successiva ha provveduto al recupero e al trasferimento nel Centro recupero animali selvatici di Valpredina (Bergamo), dove una radiografia ha chiarito l’origine delle condizioni critiche dell’animale.

Vane le cure prestate dai veterinari del Cras bergamasco: la femmina di gheppio, come tutti i rapaci una specie particolarmente protetta dalla legislazione nazionale ed europea, è morta ieri mattina.

LO SCORSO ANNO erano stati decine gli uccelli da preda diurni e notturni arrivati dal Bresciano a Valpredina o nel Cras camuno di Paspardo; sicuramente una piccola parte di quelli abbattuti ignorando la legge, dato che raramente gli uccelli feriti finiscono in luoghi frequentati normalmente dalle persone.