Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 17 ottobre 2017

Di corsa per difendere il lago d’Idro

Riflettori di nuovo puntati sul lago d’Idro e sul bacino del Chiese (BATCH)

Di corsa per difendere il diritto a esistere e prosperare del lago d’Idro e del fiume Chiese. La prima edizione di quella che è molto più di una semplice manifestazione podistica, è in programma domenica 20 alle 9.30. Quando atleti, appassionati, ambientalisti e semplici cittadini chiederanno correndo il rispetto del deflusso minimo vitale del lago e del fiume, e tenteranno di convincere le istituzioni ad adottare serie politiche di risparmio idrico tramite l'ammodernamento dei sistemi irrigui e una gestione oculata e coordinata.

LA STORIA del lago d’Idro e della contesa delle sue acque è più vecchia di Fontamara, il romanzo di Ignazio Silone che tanto ricorda le traversie dell’Eridio; certo non ci sono più gli squadroni fascisti, ma le analogie sono tante (con la speranza che 90 anni dopo qualcosa sia cambiato a livello di coscienza collettiva).

In cabina di regia il gruppo «Amici della Terra», che è presieduto da Gianluca Bordiga, con Legambiente Lombardia e con il supporto fondamentale di Aics.

La «Corsa per Vita» prenderà il via dal lungolago di Crone e si snoderà attraverso la parte alta del borgo del paese, la collina di Castello Antico, la località Baic e la frazione Lemprato. Alcuni degli scorci e dei panorami più incantevoli dell’Eridio, insomma, per rimarcare «la necessità di salvaguardare ambiente e paesaggio attraverso la tutela del lago e del fiume».

La corsa diventa in questo modo anche un momento informativo a sostegno della petizione promossa da «Amici della Terra» e Legambiente perché i 30 comuni che si affacciano sull’asta del Chiese e sul lago d’Idro facciano fronte nel chiedere l’istituzione di un ente paritetico che coordini la gestione del bacino.

LO SCOPO dei cinque punti della petizione, già sottoscritta da Acquafredda e al vaglio di altre tre amministrazioni, è quello di ottenere un effettivo risparmio e un controllo permanente sull’intera asta del Chiese, per evitare il ripetersi delle crisi che mettono a repentaglio il deflusso minimo vitale dell’Eridio e in ogni tratto dell’intera asta del fiume, lunga 160 chilometri. Dove c’è podismo e tutela del territorio non poteva mancare l’Aics (Associazione italiana cultura e sport), nuovo sostenitore della causa. Testimonial della manifestazione sarà Carmine Piccolo, l’insegnante di Ghedi che corre per cambiare il mondo.

Ci si potrà iscrivere a partire dalle 7.30 in piazza a Crone, con partenza alle 9.30; il percorso è di sei chilometri, adatto a tutti. Verranno premiati il primo uomo e la prima donna al traguardo, ma anche il più anziano, il più giovane e la famiglia più numerosa.

L’iscrizione costa 8 euro e comprende una maglietta, una limonata e un piatto di pasta a fine corsa.