Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 11 dicembre 2017

Il patto per Eridio e Chiese
a confronto con i sindaci

Il percorso è difficile ma non si ferma, e giovedì sera sarà Idro a ospitare la quinta assemblea pubblica organizzata dagli Amici della Terra e da Legambiente regionale per promuovere la petizione per la definizione di un grande accordo di bacino sulla gestione equa delle acque del Chiese e del lago d’Idro.

L’appuntamento è alle 21 nella sala consiliare del Comune, e sono stati espressamente invitati i sindaci di Idro, Anfo, Bagolino, Bondone (Trento), Vestone, Lavenone e Storo (Trento). L’obiettivo è coinvolgere le amministrazioni locali affinchè sostengano la proposta di istituire un ente paritetico che coordini la gestione dell’intero bacino. Lo scopo della petizione è quello di ottenere un effettivo e soddisfacente risparmio idrico e un controllo permanente sull’intera asta del Chiese, evitando il ripetersi delle crisi che mettono in pericolo il deflusso minimo vitale lungo un percorso di 160 chilometri.

«Siamo fiduciosi - anticipa Gianluca Bordiga, presidente degli Amici della Terra lago d’Idro Valle Sabbia -; dopo l’adesione di Acquafredda, nei prossimi giorni incontreremo tre sindaci che vogliono avere ulteriori chiarimenti ma sembrano bene intenzionati».

Quella di giovedì sarà la quinta di otto assemblee (l’ultima si è tenuta a Bedizzole) organizzate per informare capillarmente i cittadini e gli amministratori comunali perché condividano i cinque punti della petizione; compreso l’ammodernamento dei sistemi irrigui, fondamentale per una corretta gestione della risorsa idrica.

All’incontro di Idro sarà presente anche la presidente regionale di Legambiente Lombardia, Barbara Meggetto, e ne approfitterà anche per parlare dell’attività della Goletta dei laghi 2017. Non solo gli amministratori, ma anche ogni singolo cittadino è chiamato a firmare la petizione perché abbia più voce la richiesta di una gestione coordinata del bacino. M.ROV.