CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.05.2017

Tornano le crociere sull’Eridio
e «Idra» diventa una love boat

L’imbarcazione «Idra» sarà a disposizione di chi vuole sposarsi
L’imbarcazione «Idra» sarà a disposizione di chi vuole sposarsi

Le coppie alla ricerca di una cornice insieme romantica e paesaggisticamente speciale per vivere il giorno più bello non mancano; per questo non appena si è sparsa la voce ci sono state le prime prenotazioni. Sposarsi sul battello che in estate solca l’Eridio potrebbe diventare una tendenza, e di certo qualcuno pronto a rompere il ghiaccio c’è già: il 17 giugno sull’imbarcazione «Idra» verrà celebrato il primo matrimonio acquatico della storia della Valsabbia.

LA NOVITÀ dei fiori d’arancio naviganti si è concretizzata una volta verificato che la piattaforma esistente ha le carte in regola. Le dimensioni e le dotazioni ci sono, e tutte le pratiche burocratiche sono state espletate. Solo pochi giorni fa il Comune di Idro, proprietario dell’imbarcazione, ha formalizzato la nascita dell’«ufficio separato di Stato civile», un passo necessario per poter celebrare matrimoni e unioni civili sul battello, e dopo l’adempimento sono arrivate le prime domande per poter pronunciare il fatidico «sì» sulle onde.

Matrimoni a parte, Idra riprenderà a solcare le acque il prossimo 2 giugno per due fine settimana, poi, dal 17, in coincidenza con il primo sposalizio inizierà il servizio di collegamento giornaliero. Giorni fa è stato firmato il protocollo d’intesa con la Provincia che avrà una validità di due anni, mentre anche quest’anno l’appalto per la gestione è stato vinto da Cesare Tavelli, che dunque sarà il capitano anche per la prossima stagione.

Sette i pontili tra i quali ci si può spostare partendo dall’ultimo realizzato a Lemprato di Idro: Crone, Vantone, Anfo, Vesta, Baitoni e Ponte Caffaro. Per fare il giro completo ci vogliono circa 2 ore e sette euro; quattro euro se lo spostamento è solo da un pontile all’altro. La sicurezza? Sarà sempre garantita dal personale dell’Eridio sub.

Il battello dell’Eridio, varato il 24 giugno 2016, è stato acquistato dal Comune di Idro grazie a un finanziamento derivante dai fondi per i comuni di confine (da circa 615 mila euro), ha una lunghezza di quasi 24 metri e può trasportare fino a 120 passeggeri. Gli sposi saranno dunque un po’ condizionati dal numero possibile di invitati: si può stare comodi nella cabina chiusa con 60 posti a sedere, mentre gli altri 60 sono localizzati sul ponte scoperto. Se poi si volessero organizzare delle originali nozze ciclistiche c’è pure una zona per il parcheggio di almeno 20 biciclette.

Mila Rovatti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1