CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.09.2017

La «Giornata del Patrimonio»
esalta la bellezza di Nuvolera

L’ingresso di Villa Franzini uno dei tesori messi in vetrina a Nuvolera
L’ingresso di Villa Franzini uno dei tesori messi in vetrina a Nuvolera

Forse non molti sanno, neppure gli stessi abitanti di Nuvolera, che il piccolo paese alle pendici delle cave di marmo custodisce delle residenze nobiliari e padronali che costituiscono veri e propri piccoli gioielli dell’arte e dell’architettura. Per riscoprire queste perle è stata organizzata la «Giornata del Patrimonio», che si svolgerà domenica 24 settembre e alla quale Nuvolera ha aderito di buon grado.

Il programma della giornata prenderà il via alle 14 con una visita guidata e ragionata a sei ville del paese, all’interno delle quali verranno allestiti e inscenati spettacoli musicali o teatrali. Si incomincerà da villa Passerini, in via Sorzana 63 con la lirica del soprano Andrea Soncina e Luca Leonetti al piano; quindi verrà fatta visita a villa Guillaume in via Roma 19, nella quale verranno lette Scene di villeggiatura da parte di Venanzio Agnelli ed Elena Cominelli; sarà poi la volta di villa Franzini e, a far da cornice sonora, la chitarra brasiliana di William Koppen De Oliveira; la residenza dei Lorandi in via Camprelle 7 farà da sfondo alla recitazione di Echi manzoniani di Agnelli e Cominelli; sempre in via Camprelle ma al civico 74 si offrirà alla vista dei visitatori-spettatori la villa Fusi, dove si effonderanno le recite dei succitati attori e i fiati di Letizia Maffei al flauto, Carlo Caravaggi alla tromba, Federico Maffei al corno e Francesco Maffei al trombone; da ultima la splendida villa Bianco-Speroni di via Camprelle 59 verrà ammirata con l’accompagnamento di un duo con Cesare Maffei al violino e Diego Gordi al pianoforte più letture di classici da parte dei già menzionati lettori. Le iscrizioni alle visite, gratuite e organizzate dal Comune in collaborazione con l’Accademia Rondò di Nuvolera e l’Associazione Christian Hubmann, saranno raccolte nella biblioteca civica fino al raggiungimento di 60 iscritti al massimo.

LA SERATA si concluderà con una cena collettiva nella piazza centrale intitolata Tavola bianca e pensata dall’amministrazione per favorire socializzazione e condivisione: ognuno dei partecipanti porterà un cesto di vivande o qualche cosa da mettere sotto i denti, partecipando gratuitamente oppure, in alternativa, con un modico contributo, si potrà gustare un piatto freddo apparecchiato dagli Alpini: le iscrizioni per la cena verranno raccolte in biblioteca entro venerdì 22.

Fiocco di chiusura di questo bel regalo culturale sarà la sfilata storica che, intitolata «L’abito non fa la donna ma la donna fa la storia», avrà luogo in piazza Soldo dalle 20,15 presentando personaggi storici al femminile dal secolo XIII al 1960 attraverso una sfilata d’abiti d’epoca indossati da modelle non modelle.

Claudio Cazzago
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1