Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 23 settembre 2018

Ludopatie, l’offensiva è totale

La Comunità Montana scende in campo contro le ludopatie (BATCH)

Valsabbia in prima linea nella lotta al gioco d’azzardo e alle ludopatie. Da un lato con una serie di incontri pensati e rivolti ai genitori, e dall’altro con l’avvio del concorso «Io gioco ad altro», studiato per coinvolgere i ragazzi delle scuole superiori del territorio. Insomma, l’obiettivo è scatenare la creatività dei giovani per sensibilizzare e coinvolgere i ragazzi. Anima e motore dell’offensiva, grazie ai fondi garantiti dalla Regione in tema di prevenzione delle dipendenze dal gioco d’azzardo, la Comunità Montana di Valsabbia. «L’obiettivo è valorizzare e premiare la creatività degli studenti che si cimenteranno nell’ideare oggetti particolari, nel formulare strategie di prevenzione e promozione della salute e nel creare comunicazione efficace sul tema del gioco. Lo scopo è scambiarsi emozioni ed esperienze per una maggior sensibilità sul tema, e favorire la conoscenza di servizi e risorse disponibili». IL CONCORSO gode dell’appoggio delle cooperative sociali Area e Il Calabrone e del Fab Lab Vallesabbia, laboratorio di fabbricazione digitale e manuale aperto a tutti per la realizzazione da sé, ma non da soli, di esperimenti e progetti: utilizzando tecnologie vecchie e nuove sia le aziende che i privati, grazie all’apporto di professionisti competenti, possono dedicarsi al progettare e poi realizzare prototipi e oggetti innovativi. Il concorso si concluderà il 25 maggio con le premiazioni dei vincitori nell’aula magna del Perlasca di Idro, con l’intera giornata dedicata alla lotta al gioco d’azzardo: prima con lo spettacolo teatrale «L’azzardo del giocoliere» di Federico Benuzzi, poi con video e spot a cura degli stessi studenti sul testo della canzone «Non m’azzardo più» in collaborazione con Dellino Farmer, e infine con la presentazione dei progetti realizzati. Nel frattempo di gioco d’azzardo si parla in «Il piacere di mettersi in piazza», serie di incontri per i genitori sull’uso delle nuove tecnologie e per sensibilizzarli sulle ludopatie. Il primo incontro è su «Il rapporto dei ragazzi col web», il 9 marzo a Vobarno in biblioteca e il 14 a Casto nella villa Lucchini di Malpaga, mentre il secondo sarà su «I giochi online», il 19 a Vobarno e il 23 a Casto, sempre dalle 20 alle 21.30. Prevenzione senza confini. • © RIPRODUZIONE RISERVATA