Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
domenica, 22 ottobre 2017

Nuvolento, si presenta
la «nuova» elementare

Le elementari di Nuvolento (BATCH)

Al rientro a scuola gli alunni delle elementari di Nuvolento hanno trovato ad accoglierli un edificio interamente rimesso a nuovo, grazie ai lavori svolti durante il periodo estivo dal Comune. Si è intervenuti sulle barriere architettoniche, che sono state abbattute, sull’isolamento termico, che si tradurrà in un maggiore risparmio in vista dell’inverno, sull’adeguamento alle norme antisismiche e, infine, sul tetto.

«LO STABILE - spiega l’assessore ai Lavori pubblici Marco Gobbini – fu realizzato nel 1934 su progetto dell’ingegner Ottorino Gorgonio e ha subito, nel corso dei decenni, taluni interventi volti a consolidarne la funzione scolastica nell’ottica di un suo adattamento alle necessità di sicurezza e di didattica alle quali esso è da sempre deputato; in particolare era fondamentale rifare il tetto, che era stato oggetto di lavori negli anni ’80 allorquando fu sostituito l’originale copertume in legno con muricci e tavelloni che, tuttavia, avevano appesantito notevolmente la struttura, col rischio che l’impalcato e i solai collassassero. In un certo senso ora si è tornati all’origine, dato che il nuovo tetto è stato realizzato in legno d’abete, più leggero e migliore anche dal punto di vista antisismico oltre che impermeabile».

Sistemato il tetto, i coppi rimossi all’inizio dei lavori, a giugno, sono stati riutilizzati e riposizionati al di sopra della copertura d’abete, mentre i cornicioni sono stati riportati all’aspetto originale e così pure la tinteggiatura esterna del palazzo, vincolato dalla Soprintendenza, è stata eseguita rispettando il colore originale dei prospetti. Il costo complessivo delle opere è valso al Comune un esborso di 350.000 euro.C.CA.