Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 17 ottobre 2018

Referendum comunale, ora c’è l’intesa

Referendum comunale (BATCH)

Alessandro Gatta Presto anche Gavardo avrà un regolamento con cui sarà possibile indire referendum comunali: in paese se ne parla da anni, almeno dal 2014, maggioranza e opposizione in queste settimane hanno finalmente raggiunto un accordo, e l’approvazione definitiva è stata fissata al prossimo Consiglio, già convocato per il 21 febbraio. Qualche anticipazione in attesa del regolamento ufficiale: sarà possibile richiedere dei referendum esclusivamente consultivi (di cui il Comune dovrà tenere conto, ma non sarà obbligato automaticamente a recepirli) e solo su materie di competenza comunale, fatto salvo le dovute eccezioni come bilancio e tributi. Potrà essere promosso dal Consiglio comunale, su richiesta di almeno tre consiglieri e con successivo voto a maggioranza assoluta, ma potranno farne richiesta anche i cittadini, che dovranno però costituirsi in un comitato promotore e raccogliere un numero di firme pari al 20% residenti che possono già votare alla Camera. IL VAGLIO definitivo del referendum toccherà a un apposito comitato di garanzia, nominato dal consiglio comunale. Una volta presentata la richiesta, e ottenuta l’ammissibilità, i promotori avranno 180 giorni per raccogliere le firme. Se tutto sarà in regola, le opzioni sono due: il consiglio potrebbe recepire immediatamente quanto richiesto dal referendum oppure indire la vera consultazione popolare, che si terrà in una sola giornata di voto (dalle 8 alle 22). «Nulla da eccepire sul regolamento, e per questo siamo sicuri che il voto sarà unanime - spiega il vicesindaco Sergio Bertoloni - La possibilità era già prevista nello Statuto, che adesso andremo a integrare con un nuovo strumento democratico. Una decisione che abbiamo preso insieme alla minoranza, a seguito di una loro esplicita richiesta». Del regolamento se ne parla dall’autunno del 2014: allora si era pensato all’istituzione di un’apposita commissione, poi subito arenata. Dopo qualche anno, nell’autunno scorso le minoranze di Gavardo Rinasce e Gavardo in Movimento hanno riaperto le trattative, spalleggiate dal comitato Gaia. Il regolamento è stato scritto, e infine vagliato dal segretario comunale: adesso si è arrivati al traguardo. «Abbiamo avviato un fattivo percorso di condivisione con la maggioranza – spiegano Manuela Maioli e Silvio Lauro – perché riteniamo prioritario che il Comune si doti finalmente di un regolamento». • © RIPRODUZIONE RISERVATA