CHIUDI
CHIUDI

19.01.2019

Sant’Antonio regala musica Sulla scena c’è la banda

Sant’Antonio Abate è un patrono condiviso da parecchi paesi delle valli bresciane. Nell’elenco c’è anche Casto, che per celebrarlo regala ai cittadini il tradizionale concerto augurale della banda, il primo da decenni senza Stefano Garnelli, che a 94 anni se n’è andato lo scorso aprile dopo una vita spesa per la musica. «In questa occasione si festeggia il patrono e si augura buon anno ai cittadini. E questa - spiegano gli organizzatori - è anche l’occasione per ringraziare la gente di Casto per il sostegno che garantisce alla banda». Il culto per Sant’Antonio Abate è molto sentito a Casto, una antica comunità rurale in cui era importante avere un protettore contro la peste, lo scorbuto e il «fuoco di Sant’Antonio», ma anche un nume tutelare per gli animali e per alcune attività. L’appuntamento, gratuito, è nella palestra della scuola media alle 17 di domani: la banda suonerà diretta del Maestro Ruggero Bosio, e durante l’intervallo si esibiranno anche gli allievi della minibanda. Il Corpo musicale autonomo castense suona da quasi due secoli, e oggi conta oltre 40 suonatori, in larga parte giovani. •

M.PAS.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1