Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
venerdì, 20 ottobre 2017

Tre generazioni di Solaro
per una mostra in famiglia

In mostra le opere di tre generazioni di Solaro. A organizzare la particolarissima esposizione, nei locali della propria sede di Vestone, è l’associazione «Via Glisenti 43».

In vetrina le opere di tre Solaro: nonno Amedeo Umberto (1881-1956), papà Omero (1909-1977) e il figlio Ivan Vimercati, nato nel 1947.

LA FAMIGLIA. Il legame tra i Solaro e l’arte inizia con Amedeo Umberto, pittore attivo nel vercellese nella prima metà del ‘900, paesaggista allievo di Mosè Bianchi. Si prosegue con Omero, figlio di Amedeo Umberto, nato a Legnano nel marzo 1909, che studiò all’Accademia di Brera sotto la guida di più maestri.

Dopo aver girato varie località lombarde e piemontesi, nell’immediato dopoguerra Omero si trasferì in Valsabbia, prima a Vestone e poi, dal 1950, a Lavenone.

In Valsabbia rimase fino al 1967, quando lasciò Lavenone per Verona, dove morì nel maggio del 1977. Autore di una pittura dolce e romantica intrisa di scene di vita rurale, Solaro allestì mostre personali a Brescia, Bolzano, Novara, Arona e Verona.

Infine Ivan Vimercati Solaro, nato proprio a Lavenone il primo novembre 1947 da papà Omero e mamma Onorina Vimercati. Subito avviato dal padre alla pittura, già a 12 anni si trasferisce ad Arona, sul lago Maggiore, dove rimane fino al 1965, quando il suo peregrinare lo porta a Colonia, in Germania. Si definisce autodidatta il cui unico maestro è stato il padre Omero. Rimpiange di non aver potuto conoscere anche l’arte del nonno.

Nel 2009 torna a Lavenone, che dopo la partenza per Arona aveva rivisto di rado, e partecipa alla mostra per il centenario di papà Omero.

Oggi torna spesso il Valsabbia alla riscoperta delle proprie origini, ma vive a Solingen, in Germania.

L’inaugurazione della mostra è andata in scena ieri pomeriggio. L’esposizione dedicata alle tre generazioni di Solaro sarà visitabile fino al 5 agosto, con aperture che saranno dal lunedì al sabato dalle 10 alle 12, e il sabato anche dalle 16 alle 19.M.PAS.