Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
giovedì, 19 ottobre 2017

Un’asta di opere speciali
chiude «Includere è un arte»

Sarà una mostra delle opere uscite dalla primavera creativa degli ospiti diversamente abili della cooperativa sociale Cogess a chiudere «Includere è un’arte», l’innovativo e inedito (per la Valsabbia) progetto che negli ultimi mesi ha visto interagire persone in difficiltà e pittori di fama sullo sfondo di Vestone.

Sorprendendo tutti per la partecipazione e l’entusiasmo, non solo degli allievi ma anche che degli artisti, e dei cittadini passati per un saluto, il progetto andrà in archivio il 9 luglio, con la cerimonia conclusiva e l’asta delle opere. Era stato avviato il 22 febbraio in collaborazione (e nella sede) con l’associazione culturale «Via Glisenti 43», e per 16 mercoledì ha visto 28 affermati artisti stimolare una quarantina di disabili che frequentano i servizi Cogess a una esperienza creativa.

I risultati del laboratorio sono in mostra proprio in via Glisenti 43 da ieri al 7 luglio, visitabili oggi e nelle domeniche del 25 giugno e del 2 luglio dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19, e dal lunedì al sabato dalle 17 alle 19.

DOMENICA 9 luglio, infine, nel ristorante La Rocca del Rovere di Odolo si terrà la cerimonia conclusiva del progetto, che prevede alle ore 11 la presentazione dei dipinti realizzati e alle 12.30 il pranzo, durante il quale si terrà l’asta dei pezzi. Le opere sono anche on line da ieri sul sito www.includereunarte.org, e l’intero ricavato dell’asta sarà interamente devoluto a progetti di inclusione sociale per persone con disabilità ospiti della cooperativa sociale Cogess.

«Si direbbe che il progetto, patrocinato da numerosi enti e associazioni locali, abbia colto nel segno - afferma Alessandra Bruscolini, amministratrice delegata della cooperativa Cogess -. Abbiamo raggiunto lo scopo di promuovere un’attività di inclusione per persone con disabilità attraverso una modalità innovativa, inusuale e soprattutto creativa». M.PAS.