Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Uno spettacolo racconta
l’universo di Alda Merini

In principio era un libro, «Ridevamo come matte»; poi l’opera di Luisella Veroli, valsabbina e milanese d’adozione, è diventata uno spettacolo teatrale che è un omaggio alla poetessa Alda Merini e che andrà in scena questa sera alle 20.30 nell’auditorium comunale di Vestone.

La valsabbina biografa della grande autrice scomparsa si addentra con i suoi scritti nel mondo femminile con un approccio da archeologa, fondendo scienza e magia alla ricerca dell’origine del mito della dea madre.

Laureata in Lingue e letterature straniere alla Bocconi, per poi superare tutti gli esami di Archeologia della Statale (sempre a Milano), si è dedicata alla ricerca dei simboli e degli archetipi del femminile indagando l’antichità.

La rappresentazione di queta sera ha debuttato nel marzo del 2012 al Nuovo Teatro delle Commedie di Livorno, ed è stata replicata in numerose zone dell’Italia centrale.

Patrocinata dal Comune, la serata è gratuita e prevede l’intervento della stessa biografa.M.ROV.