Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 20 luglio 2018

Uno spettacolo racconta
l’universo di Alda Merini

In principio era un libro, «Ridevamo come matte»; poi l’opera di Luisella Veroli, valsabbina e milanese d’adozione, è diventata uno spettacolo teatrale che è un omaggio alla poetessa Alda Merini e che andrà in scena questa sera alle 20.30 nell’auditorium comunale di Vestone.

La valsabbina biografa della grande autrice scomparsa si addentra con i suoi scritti nel mondo femminile con un approccio da archeologa, fondendo scienza e magia alla ricerca dell’origine del mito della dea madre.

Laureata in Lingue e letterature straniere alla Bocconi, per poi superare tutti gli esami di Archeologia della Statale (sempre a Milano), si è dedicata alla ricerca dei simboli e degli archetipi del femminile indagando l’antichità.

La rappresentazione di queta sera ha debuttato nel marzo del 2012 al Nuovo Teatro delle Commedie di Livorno, ed è stata replicata in numerose zone dell’Italia centrale.

Patrocinata dal Comune, la serata è gratuita e prevede l’intervento della stessa biografa.M.ROV.