CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.12.2017

Debutto d’applausi per la filiale

Il taglio del nastro della nuova sede con il sindaco Giuseppe Lancini
Il taglio del nastro della nuova sede con il sindaco Giuseppe Lancini

Un battesimo festoso ieri a Vobarno per la nuova filiale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Un debutto in grande stile, con una piccola folla ad attendere il taglio del nastro, il sindaco Giuseppe Lancini, il presidente della Comunità Montana Giovanmaria Flocchini e il parroco don Giuseppe Savio, intervenuto per la benedizione di rito. Alla quale è seguito un momento conviviale con tanto di polenta taragna preparata dai «Cicierti», i volontari dell’omonima associazione benefica che aiuta chi è in difficoltà. La nuova sede, più a sud rispetto alla vecchia aperta nel 2007, meno comoda e meno spaziosa, punta ora a diventare un riferimento per un territorio vasto e importante, dinamico e diversificato. «In questi 10 anni a Vobarno - ha spiegato il presidente Andrea Armanini - la Cassa Rurale è cresciuta molto, acquisendo oltre 1800 clienti e sviluppando ottimi rapporti con famiglie e imprese, con una costante e continua crescita delle masse di raccolta e di impieghi. Inoltre, con spirito cooperativo sostiene attività e progetti di mutualità della maggior parte di enti e associazioni di Vobarno, oltre a svolgere dal 2008 il servizio di tesoreria per il Comune». Da domani il nuovo sportello sarà aperto in via Battisti, con a disposizione 180 metri quadrati. C’è poi una novità: l’installazione di un evoluto bancomat aperto 24 ore su 24 per ogni operazione bancaria. Con sede a Darzo di Trento, la Cassa Rurale opera oggi in Valsabbia con dieci filiali da Bagolino a Villanuova al servizio di 14.000 clienti e con 2.855 i soci. L’apertura è stata anche l’occasione per premiare alcune delle 41 associazioni che hanno aderito all’iniziativa «Un cuore per Vobarno», con premi a scalare dai 5.000 ai 1.000 euro. • M.PAS.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1