Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 25 settembre 2018

Oltre e altrove Torna la sfida tra fotografi poeti e autori

A Vobarno si alza il sipario sull’ottava edizione del concorso letterario «La mia terra ha buona voce». In cabina di regia, come sempre, l’associazione Agape, con il sostegno delle Ferriere Valsabbia e di Vallesabbianews. Tema: «Oltre e altrove». C’è tempo fino al 30 settembre per partecipare proponendo il proprio racconto o i propri versi in italiano o dialetto. Nello spirito di Agape, presieduta da Barbara Zambarda, l’iscrizione è aperta a tutti con partecipazione gratuita; l’elaborato dovrà essere inedito. Alle quattro sezioni (racconti, poesie in italiano, poesie in dialetto, fotografie) saranno ammessi solo lavori individuali e non di gruppo, e la consegna deve avvenire a mano o per posta in biblioteca, a Vobarno. Le opere saranno poi valutate da una giuria composta da sette giurati e presieduta da Alfredo Bonomi. Una giuria di tre elementi curerà invece la scelta delle fotografie. I vincitori saranno proclamati il 23 novembre al teatro dell’oratorio di Barghe. Non c’è nessun premio in denaro, ma verranno premiati i primi tre classificati di ogni categoria. E queste opere, assieme a quelle segnalate dai giurati, saranno pubblicate. •