Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 22 novembre 2017

Agricoltura sociale
Collebeato ha un’idea

Richiedenti asilo tra i cachi raccolti negli orti sociali di Collebeato

Ha un valore insieme etico e storico il bando per i progetti di «agricoltura sociale» lanciato da Confagricoltura; un grande concorso nazionale che vede Collebeato come unico Comune bresciano in gara con un obiettivo speciale: valorizzare le tante piante di cachi presenti sul territorio che nessuno sfrutta più.

IL PROGETTO, presentato dall’azienda agricola Prestini di Azzano Mella e dalla cooperativa sociale Scalabrini-Bonomelli di Brescia, è stato intitolato «Kakobeato, il kako di Collebeato», e può essere votato facendogli guadagnare posizioni in graduatoria registrandosi sul sito www.coltiviamoagricolturasociale.it. Lo scopo? Recuperare appunto colture abbandonate per farle rifiorire, trasformando i vecchi filari in una risorsa economica attualmente inespressa offrendo anche una occasione di integrazione a richiedenti asilo e persone disagiate.

«Il progetto nasce dalla collaborazione tra l’azienda agricola Prestini, che ci mette le competenze agrotecniche, e la nostra coop, che invece mette a disposizione il capitale umano - spiega il referente Davide Bonera -. A Collebeato abbiamo già attivo un orto sociale dove impieghiamo persone senza fissa dimora e migranti per attività socialmente utili». Ora si punta a recuperare una coltura che un tempo completava l’economia di sussistenza delle famiglie collebeatesi, curando o sostituendo le piante malate per dar vita al marchio «Kakobeato» e a un’azienda che coinvolgerà le persone ai margini dalla società.

Confagricoltura e la onlus «L’Età della Saggezza» arricchiscono la dotazione finanziaria del concorso «Coltiviamo agricoltura sociale», alla seconda edizione e lanciato ancora una volta in collaborazione con Rete delle fattorie sociali e Intesa Sanpaolo. I premi ai migliori progetti da uno sono passati a tre, ognuno da 40 mila euro. Soldi che appunto serviranno a incentivare l’agricoltura sociale favorendo lo sviluppo di attività imprenditoriali in grado di unire sostenibilità e innovazione. Grazie alla votazione on line, a Collebeato puntano a rientrare nei primi 30 posti per poter accedere alla valutazione tecnica. M.BEN.