domenica, 15 luglio 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

28.12.2017

Burundi, la scuola di Gitega al traguardo dei dieci anni

I piccoli alunni della Paolo VI
I piccoli alunni della Paolo VI

Un evento speciale, per una ricorrenza che andava segnalata. Dopo aver celebrato nel 2017 i dieci anni di vita della scuola Paolo VI di Gitega, in Burundi, sabato 6 gennaio saranno festeggiati i 43 anni dalla fondazione del «Comitato di Solidarietà». «SEMBRA IERI che, assieme ad altri amici del Comitato, con l’allora sindaco Diego Peli e i rappresentanti del Consiglio comunale, eravamo a Gitega a inaugurare quella che sembrava un’impresa impossibile - ricorda Ruggero Saiani - Nel 2000 la nostra volontaria Cesarina Alghisi, in visita al Comitato con Madre Cecilia, ci aveva invitato in Burundi. Ci siamo cascati: siamo andati e non abbiamo più potuto fare a meno di dare loro una mano». In quel momento è cominciata la sfida della scuola, vinta grazie ai tanti volontari che ci hanno aiutati sia nel preparare i container, sia sul posto nella costruzione e nell’allestimento della scuola. Per la costruzione della Paolo VI in Burundi è stato fondamentale anche il supporto delle istituzioni: in primis il Comune di Concesio, ma anche la Regione, la Conferenza episcopale italiana, la Provincia di Brescia, i privati e le associazioni, in particolare Cuore Amico. Attualmente la scuola ospita 450 ragazzi, divisi tra primaria, secondaria e professionale. «Certo, avrebbe bisogno di qualche aiuto in più - conclude Saiani - I sostegni a distanza, grazie a Dio, sono però costanti. Se dovessero arrivare ulteriori donazioni specifiche, verrebbero consegnate direttamente alle suore che gestiscono la scuola». Insomma, il Comitato resta in prima linea. Pronto a scendere in campo per sostenere un progetto che è stato curato e cullato fin dal primo vagito. L’appello, come sempre in questi casi, è a tutti gli aspiranti benefattori. M.BEN. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1