Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Inzino ringrazia la «street art»

Uno dei graffiti realizzato dagli studenti per decorare il sottopasso di Gardone ValtrompiaUn’altra opera di «street art» realizzata dagli studenti a Inzino di Gardone

Rigenerazione urbana e street art si sono incontrate a Gardone, e hanno trasformato spazi grigi in coloratissime gallerie all’aperto. È successo con il sottopasso del Ponte Bianco di Inzino, grazie al coinvolgimento di alcuni giovani artisti. I bellissimi graffiti, realizzati in accordo con l’amministrazione comunale, sono frutto del talento di cinque studenti. Quello di Gardone è solo l’ultimo esempio di come poter coinvolgere giovani e giovanissimi in progetti di riqualificazione urbana. A Concesio, per esempio, ci avevano pensato quelli del Cag Naviganti in occasione del festival Be Yourself, che ha permesso agli educatori di entrare in contatto con adolescenti appassionati di murales e quindi di approfondire questo metodo. A LUMEZZANE, invece, in passato era stato proposto un vero e proprio «Street art lab», un corso di pittura murale con Carlo Lamberti di «Scena urbana»: una serie di incontri durante i quali i partecipanti potevano preparare elaborati che poi avrebbero preso forma su pareti messe a disposizione dal Comune. Sembra quindi che questo genere di arte crei sinergie tra diverse realtà, e stimoli la partecipazione dei giovani e l’inclusione sociale. •