Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 18 novembre 2017

La Metrocast celebra il mezzo secolo di vita

Torta con candeline e brindisi per la grande famiglia Metrocast (BATCH)

La Metrocast Italiana di Gardone ha festeggiato i 50 anni di vita. Un traguardo di prestigio, celebrato con le maestranze vecchie e attuali e con la tribù dei Sabatti, figli del Giuseppe «Pi» e di Gabriele, fondatori dell’azienda con il fratello Piero: Antonio, Cecilia, Daniela e Sofia, Chiara, Emanuele e Marco. Una vicenda imprenditoriale storica e unica a Gardone.

Nasceva nel 1967 ed era una delle più antiche fonderie a cera persa in Italia. I tre fratelli lavoravano già nel settore fucili da caccia con la Fias, diventata poi Sabatti: ebbero il coraggio di affrontare il mare ignoto della fusione a cera persa a scopi industriali, nulla conoscendo di una tecnica che nata 6000 anni fa in Mesopotamia e in Tailandia, era stata usata fino alla seconda guerra mondiale soltanto nel mondo dell’arte (basta un nome: Benvenuto Cellini).

I TRE FRATELLI Sabatti sentivano la necessità di diversificare nel momento in cui i più lavoravano sotto l’ombrello di mamma Beretta. E così, la Metrocast è diventata il primo produttore italiano di microfusioni per l’industria delle armi. E sa continuamente aggiornarsi alle più moderne tecnologie: 60 i dipendenti, 6000 i metri quadrati della sede. Nel suo breve discorso prima del taglio della torta collettivo (presenti anche i dipendenti della ex Fias) in un rinomato locale di Clusane, Antonio ha parlato delle emozioni che prova quando vede in giro una Ferrari California, una Volvo C70, una motocicletta Bmw o una barca Cranchi: «Non riesco a trattenermi dall’andare a scovare il pezzo che è uscito dalla Metrocast».E.BER.