Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 18 dicembre 2017

La valle dell’accoglienza
fa il punto al Parco del Mella

L’hanno chiamata «Sconfiniamo, Culture in movimento - Progettare e governare la micro accoglienza in Valle Trompia», ed è la nuova iniziativa inserita nel progetto Sprar «Valle Trompia accogliente» che vede come capofila la Comunità montana. Terrà banco oggi e domani proponendo incontri, dibattiti e filmati sul tema dei richiedenti asilo negli spazi del Parco del Mella di Gardone.

Proposto dalla coop sociale Il Mosaico, vede coinvolti insieme alla Comunità il Comune di Gardone e una dozzina di realtà territoriali: associazioni, biblioteche, cooperative e il Servizio volontario internazionale. L’obiettivo non è solo l’approfondimento di un problema enorme, ma anche l’attivazione di una di rete nei percorsi di accoglienza e di inclusione sociale.

È un percorso complesso che va dalla messa on line della traduzione del catalogo della Rete bibliotecaria bresciana e cremonese in inglese, francese, tedesco, spagnolo, arabo e urdu ai laboratori nelle scuole; dalle letture teatralizzate per bambini alle rassegne cinematografiche; passando per una produzione cinematografica e il laboratorio teatrale «Noi raccogliemmo il mare» dell’associazione culturale Treatro - Terre di confine.

Si inizia oggi alle 18,15 coi saluti delle istituzioni e si prosegue con poesie, colori e musica col gruppo Terramiche. Alle 19,30 Agorà, un aperitivo/dibattito sugli scenari della micro accoglienza in Valtrompia (con Mario Folli della Comunità montana, Franco Valenti della commissione Territoriale di Brescia e Andrea Ghidini del Mosaico). Alle 21,15 il film pluripremiato «My name is Adil».

Domani si riprenderà alle 17 con una merenda solidale e i giochi del mondo per bambini, e si continuerà alle 18,30 con «Mariama e la balena», una fiaba teatralizzata, e alle 19,30 con «Testimonianze in tavola» col contributo di don Fabio Corazzina, La conclusione col concerto di Saba Anglana. E.BERT.