CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.03.2015

Magno al capolinea? È «giallo» sulle poste

Magno di Gardone: l'edificio che ospita l'ufficio postale
Magno di Gardone: l'edificio che ospita l'ufficio postale

Trattative politiche e realtà si smentiscono a vicenda e il futuro del decentratissimo ufficio postale di Magno di Gardone è diventato un «giallo». L'azienda ha annuncianto il «congelamento» del piano di tagli che avrebbe portato alla soppressione dello sportello innescando un coro di commenti soddisfatti dei partiti. Ma in Comune spiegano che il contratto di affitto dei locali che ospitano il servizio postale è stato disdettato.
Sono decisamente ottimisti Alessandra D'Agostino, consigliere del Movimento Cinque Stelle di Gardone e Massimo Bertuzzi, responsabile del Lavoro dell'area valtrumplina per l'Italia dei valori di Brescia. «Per l'ufficio postale di Magno - precisa Alessandra D'Agostino - ci eravamo mossi anche a livello centrale con una interrogazione parlamentare, e il risultato di questi giorni è stato il blocco delle chiusure. Stiamo anche lavorando per la raccolta di firme sia a Magno, sia in alcuni esercizi commerciali, e lo faremo anche al mercato di Gardone del 27 marzo».
«Sono soddisfatto - aggiunge Bertuzzi - perchè Poste italiane ha almeno per ora sospeso i tagli a livello nazionale, e soprattutto nel Bresciano. E la soddisfazione non è solo mia ma anche dei circa 1.500 cittadini, anche di Padile, che avrebbero dovuto affrontare i disagi innescati dalla chiusura dello sportello».
Molto più prudente il quadro che viene affrescato in municipio.
«Siamo in attesa dell'evolversi degli eventi - precisa il sindaco Pierangelo Lancelotti -. Per ora l'unica notizia certa è che il contratto di locazione è stato disdetto dalle Poste. Nei prossimi giorni sentiremo la direzione provinciale per capire come intende muoversi. Vorrei precisare che nei precedenti incontri con la spa per evitare la fine dello sportello di Magno ho sottolineato con fermezza la particolare situazione di questo ufficio e l'importanza del servizio. Noi poi li abbiamo pure agevolati facendo pagare un affitto annuo di 3.500 euro, con utenze e manutenzione a nostro carico».

Laura Piardi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Dopo gli attentati dei terroristi islamici a Parigi, quali misure andrebbero adottate dall'Italia?
ok