Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

Porti chiusi ai profughi L’Anpi dice no in piazza

C’è una partita politica che si gioca sulla pelle delle persone. È in corso in Italia e in Europa e sembra dimenticare del tutto le cause del problema, oltre ai principi che, al di là delle convenzioni, dovrebbero regolare la vita nei Paesi democratici. È la partita triste della gestione (a volte disumana) dei migranti e dei richiedenti asilo; un match in cui interviene anche la sezione di Gardone dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia, che accoglie l’appello lanciato da don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera e del Gruppo Abele, intitolato «Una maglietta rossa per fermare l’emoraggia di umanità». IL ROSSO è il colore dei vestiti e delle magliette dei bambini che muoiono in mare. Era rosso il vestito del piccolo Aylan morto nel suo viaggio della speranza, la cui foto, nel settembre 2015, suscitò la commozione e l’indignazione di mezzo mondo. Come quella dei tre bambini annegati nei giorni scorsi davanti alle spiagge libiche. Commozione e indignazione che sembrano ignote a una parte della politica. Non a chi conserva e promuove i valori della Resistenza. L’appuntamento con la manifestazione, fissata a Gardone ma aperta a tutti i cittadini della valle, è come in tutta Itala per oggi: ci si ritroverà alle 10,30 in piazzetta Giovan Battista Gardoncini, medaglia d’oro al valor militare della Resistenza. Un semplice ma significativo ritrovarsi insieme a parlare e discutere per manifestare la propria vicinanza a chi fugge dalle guerre e dalla miseria, facendolo in un luogo della memoria dei valori della solidarietà e dell’uguaglianza; di una lotta partigiana che a Gardone e in alta Valle ha scritto tante pagine di storia nel nome della libertà. «Chiediamo ai cittadini e alle cittadine di indossare per questa occasione una maglietta rossa - propone la presidente della sezione Erica Brignoli - e di ritrovarsi pacificamente insieme per far vedere che questo paese è pieno di persone che dicono no alla politica disumana della chiusura dei porti, che credono ancora nell’accoglienza e nella solidarietà come valori fondamentali della convivenza civile». •