CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.02.2017

Rifiuti, è «boom» differenziata

Positivi i dati sul porta a porta
Positivi i dati sul porta a porta

A due anni dall’introduzione del porta a porta, Gardone archivia il 2016 con un incoraggiante 71% di differenziata. Un dato più che positivo, soprattutto se paragonato al 38 di partenza.

«È grazie a questi numeri anche nel 2016, per il secondo anno consecutivo, siamo riusciti a ridurre il carico della tassa sui rifiuti - spiega l’assessore all’Ambiente e ai Lavori pubblici Piergiuseppe Grazioli - aumentando al contempo i servizi. Ovviamente c’è ancora molta strada da fare e bisogna lavorare tutti insieme per migliorare ulteriormente alcuni aspetti che riguardano il decoro. Se necessario anche ricorrendo a sanzioni nei confronti di quei cittadini che non solo non differenziano, ma addirittura abbandonano i rifiuti».

UNA QUINDICINA fino a ora i cittadini multati, con sanzioni del valore medio di 100 euro (l’importo varia in base al genere di rifiuto che viene abbandonato). Altre criticità segnalate dai cittadini riguardano l’isola ecologica. E in particolare la scarsa disponibilità di alcuni dipendenti, per i quali il Comune sta valutando dei provvedimenti. Malcontento anche per quanto riguarda la frazione umida: si è vincolati alla raccolta (2 volte in inverno e 3 in estate) nella scelta del consumo di alcuni cibi. In più chi ha poco spazio non è soddisfatto del porta a porta.

«Se capita di avere un alimento da buttare - la lamentela di alcuni cittadini - e non hai spazio all’esterno per posizionare il bidone dell’umido, il sacchetto di carta non aiuta certo a evitare sgradevoli odori. Per l’umido sarebbe stato meglio mantenere i cassonetti, come fanno altri comuni».

«Nell’ottica di un continuo miglioramento del servizio - la replica dell’assessore Grazioli - siamo valutando l’introduzione di un eco compattatore per il 2018. Inoltre, prosegue il lavoro in sinergia con le scuole dell’istituto comprensivo. Abbiamo quindi destinato una parte del risparmio sul servizio per acquistare cestini per la raccolta differenziata, per una cifra pari a 20 mila euro, da destinare alle nostre elementari, medie e superiori. Sempre all’interno dell’offerta formativa, ormai da anni vengono organizzate ore di insegnamento sul tema differenziata rivolte ai ragazzi. Un modo per sensibilizzare e formare i cittadini di domani».L.P.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1