domenica, 18 novembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

29.07.2018

Centro storico, arrivano gli incentivi

Il municipio di Lumezzane: la difesa del centro storico è tra le priorità
Il municipio di Lumezzane: la difesa del centro storico è tra le priorità

Conti, opere pubbliche (presenti e future), progetti e tanto altro. Non sono mancati gli argomenti all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio comunale prima della pausa estiva. A partire dai centri storici, sempre meno abitati e sempre più degradati. Le minoranze chiedono da tempo un piano incisivo, con proposte come la riduzione di Imu e Tasi a favore dei proprietari di seconda case. Ma la soluzione più probabile, come ha anticipato l’assessore al Bilancio Rudi Saleri, sarà quella di ricorrere a incentivi per recuperi e ristrutturazioni. ALTRO TEMA centrale è il cimitero di Sant’Apollonio e San Sebastiano, con priorità assolute l’ampliamento e la bonifica dell’area dove sono stati rinvenuti materiali di scarto. Su questo fronte l’assessore al Patrimonio Stefano Gabanetti ha annunciato la realizzazione entro l’anno delle tombe di famiglia e dei loculi già prenotati nella zona non contaminata, mentre a settembre sarò varato con Arpa un piano di intervento per la bonifica (i lavori nel 2019). Un’altra opera sotto i riflettori è il nuovo polo culturale all’ex scuola di Faidana e di cui l’inizio dei lavori è stato procrastinato. In base alle ultime notizie, la spesa complessiva passerà da 1,5 a 1,1 milioni di euro e quindi anche i fondi regionali a sostegno del progetto scenderanno da 1,1 milioni a poco più di 820 mila euro. Una mano tesa, come anticipato dal sindaco Matteo Zani, potrebbe comunque arrivare dal Gse per 359 mila per l’efficienza energetica. Ma l’opera rischia di essere dimezzata, visto che lo stesso sindaco ha sottolineato come si interverrà sul primo lotto allestendo il polo e la biblioteca, ma non è detto che la nuova amministrazione che uscirà dalle elezioni del prossimo anno decida poi di muoversi anche sul vicino complesso. Infine, il Comune dovrà sborsare 40 mila euro per rispondere a un’ingiunzione di pagamento emessa da Banca Sistema in merito alla vicenda Gala. Il ricorso è stato presentato, ma il pagamento deve essere fatto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

F.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1