Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

L’impresa ha gettato la spugna slitta l’ampliamento di via Ruca

Nel cerchio, la strada al centro del progetto di ampliamento

Era ghiotta l’occasione di approfittare del mese di agosto, complice la pausa estiva delle aziende della zona, per iniziare a mettere mano ai lavori di allargamento di un tratto di via Ruca a Lumezzane. Si tratta dell’unica arteria di accesso, per di più in salita e ripida, che ogni giorno le auto e i camion percorrono per raggiungere i due lotti dell’area artigianale. INVECE per il Comune il disegno è da rivedere perché i lavori sono slittati a settembre, quando tutte le attività ormai saranno riprese e rischiando, quindi, di provocare disagi. Che cosa è successo? L’azienda piemontese che si era aggiudicata il primo step dei lavori (importo di 225 mila euro e da effettuare nell’arco di due mesi) in corrispondenza della terza curva a salire dopo aver percorso il ponte di Faidana, ha comunicato con una lettera di rinunciare all’appalto, costringendo gli uffici comunali ai salti mortali per chiedere e sperare nel subentro di una delle altre tre imprese in graduatoria. Ma nessuna si è detta disponibile a intervenire prima del 27 agosto, quindi si è resa necessaria una nuova gara che si chiuderà proprio domani e l’individuazione di un’altra impresa martedì prossimo. Per forza di cose i cantieri slitteranno al momento in cui la strada sarà di nuovo trafficata, ma dal municipio l’assessore ai Lavori pubblici Stefano Gabanetti mostra ottimismo, spiegando che cercheranno di ridurre i disagi, soprattutto per il transito dei mezzi pesanti. A proposito dei lavori, la prima tranche prevede la demolizione di un edificio residenziale disabitato e di parte di un capannone grazie a una trentina di imprenditori che sponsorizzano l’intervento, avallato anche dalla procedura di esproprio già andata a buon fine. In seguito il Comune si muoverà per ampliare la curva e la strada, tanto da creare anche un piccolo spazio adibito a parcheggio e una scala pedonale. Il passo successivo sarà una nuova gara per affrontare il secondo step da un milione di euro con l’abbattimento di altri edifici lungo la strada e il definitivo allargamento dopo quello già avviato due anni fa. •