lunedì, 24 settembre 2018
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

17.04.2018

Una variante a misura d’industria

Uno scorcio della Lumezzane industriale
Uno scorcio della Lumezzane industriale

Si prepara un Pgt in formato industriale in Valgobbia: una necessità più che un esperimento; una scelta dettata dal bisogno urgente di fermare le tante delocalizzazioni avvenute negli anni per la carenza di spazi sul territorio e per le oggettive carenze viabilistiche. In sintesi l’amministrazione comunale vuole fermare una possibile, nuova emorragia di aziende dopo quella a cui si è già assistito, anche sfruttando l’attuale fase di ripresa e rilancio economico che diverse attività produttive stanno vivendo. Parlando della Valgobbia, uno degli ostacoli principali che spesso si presentano sul percorso della risalita è rappresentato appunto dalla evidente scarsità di infrastrutture e degli spazi a disposizione. IL COMUNE intende lavorare su questo secondo aspetto, avviando la modifica di una parte del Piano di governo del territorio approvato nel settembre del 2014. A distanza di quattro anni da quel primo via libera lo scenario è cambiato e Lumezzane ne risente: lo dicono anche i dati anagrafici, visto che la popolazione si è ulteriormente ridotta agli attuali 22.500 abitanti. Una «fuga» dettata anche dai traslochi forzati di numerosi dipendenti e delle proprie famiglie al seguito delle imprese. Così, pochi giorni fa la giunta ha dato il via alle fasi di preparazione per la variante al documento urbanistico, che naturalmente prevede anche la valutazione ambientale strategica. Le linee guida del documento urbanistico in vigore resteranno sostanzialmente le stesse, ma si punta a rendere il Pgt più vicino alle esigenze di spazio aprendo una «finestra» temporale della durata di 2 o 3 anni per concedere deroghe, ma comunque senza prevedere ulteriore consumo di suolo. L’imperativo è insomma valorizzare l’esistente. A CAPO delle operazioni ci sono i tecnici Raffaella Pelizzari e Andrea Zuccoli, e le aziende intenzionate a espandersi nei limiti che saranno permessi dal documento urbanistico hanno tre mesi di tempo per presentare suggerimenti e osservazioni. I paletti? Le proposte dovranno essere relative ad esigenze aggiuntive rispetto a quelle già emerse e recepite nella ricognizione dell’ottobre dello scorso anno, e non si dovrà superare il perimetro massimo previsto dal Pgt. Per saperne di più ci si può rivolgere in municipio o all’indirizzo e-mail comune.lumezzane cert.legalmail.it. •

Fabio Zizzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1