CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.10.2017

Vandali in azione,
tagliate le
gomme a 20 auto

Una delle tante auto alle quali sono state tagliate le gomme martedì
Una delle tante auto alle quali sono state tagliate le gomme martedì

Più che un semplice atto vandalico, una sorta di intimidazione nei confronti dei tanti che in questi giorni, complice la fioritura dei funghi, affollano i boschi e le montagne più o meno di casa in cerca di porcini, verdoni, galletti, finferli e mazze di tamburo. Intimidazione sotto forma di gomme tagliate. Nella mattinata di martedì, tra le 9.30 e le 10; dalle due alle quattro gomme ad almeno una ventina di auto. Auto ovviamente incustodite e parcheggiate nella zona del Prato Nuovo, lungo la strada che sale al Colle di San Zeno, in territorio di Pezzaze.La spiacevole sorpresa per i malcapitati cercatori al rientro dopo la mattinata di caccia. Pneumatici squarciati e tanta rabbia.

«SONO SCESO dal Passo e ne ho visti tanti con le gomme a terra - raccontava un testimone poco dopo l’accaduto - Per fortuna le macchine più in alto le hanno risparmiate».

Impossibile infatti nascondersi nel bosco mano a mano che si sale in quota. Quindi le auto colpite sono state quelle posteggiate più in basso, verso l’abitato. Sul posto anche i carabinieri di Tavernole.

La pista, come detto, è quella della gelosia da funghi, anche perché martedì la caccia era chiusa.

In giorni di frenetiche ricerche e di abbondante fioritura, qualcuno avrebbe insomma pensato bene di ribadire il fastidio per chi setaccia radure e vallette. In passato episodi simili erano avvenuti in altre zone, ma quello di martedì è senza dubbio il più grave. Il sindaco Oliverio Gipponi: «Un gesto vergognoso e dannoso per l’immagine del paese».E.BER.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1