La Caspolada mini resta un successo: ben 2.500 fans al via

di L.FEBB.
La folla dei caspolatori prima del via alla camminata
La folla dei caspolatori prima del via alla camminata
La folla dei caspolatori prima del via alla camminata
La folla dei caspolatori prima del via alla camminata

Negli inverni più generosi e quindi più «bianchi» sono state raggiunte (e superate) anche punte di 4.000 partecipanti; stavolta invece a Vezza d’Oglio hanno dovuto accontentarsi (si fa per dire) di «soli» 2.500 fans. Un piccolo esercito di aficionados e di curiosi arrivati in alta Valcamonica per dare vita ieri sera alla nuova edizione della «Caspolada al chiaro di Luna». La flessione, prevedibile, è stata causata dall’assenza di neve a bassa quota che ha reso meno suggestivo il percorso. E che ha costretto di organizzatori a ridurlo notevolmente nella sua estensione. Sfruttando fino all’ultimo cristallo le centinaia di metri cubi di neve artificiale confezionata apposta dai cannoni del comprensorio sciistico di Pontedilegno, i promotori della Caspolada hanno creato un anello di sei chilometri e mezzo (contro i nove del tracciato normale) che ha toccato Stadolina prima di tornare alla base. GESTITA da trecento volontari e terminata con la cena nel Centro eventi Adamello, la manifestazione è partita con lo start dato daell’assessore regionale al Turismo e allo Sport Lara Magoni. •