Sarà un'estate di gran teatro

Antonella Ruggiero: fra le voci italiane più amate, sarà a Brescia con Lucilla Giagnoni in «Mater spiritualis et corporalis» il 6 e il 7 luglio FOTO PIERO BIASIONUgo Dighero: al Chiostro Santa Chiara il 29 e il 30 giugno
Antonella Ruggiero: fra le voci italiane più amate, sarà a Brescia con Lucilla Giagnoni in «Mater spiritualis et corporalis» il 6 e il 7 luglio FOTO PIERO BIASIONUgo Dighero: al Chiostro Santa Chiara il 29 e il 30 giugno

Questa sera, alle 20.30 al Teatro Sociale, va in scena «Ritter, Dene, Voss» di Thomas Bernhard con la regìa di Elena Sbardella e l’interpretazione di Ludovica Modugno, Gianluca Ferrato e Franca Penone. È l’ultima produzione del Ctb che chiude la stagione «Gli infiniti mondi», ma tutto è pronto per la nuova stagione estiva presentata ieri in Loggia. Sarà una grande festa che riporterà in città la magìa del teatro con oltre 80 recite distribuite dal 18 giugno al 28 luglio in tre progetti in luoghi diversi. Il Chiostro Santa Chiara ospiterà la rassegna «D’estate al Chiostro. Teatro sotto le stelle», al Museo di Santa Giulia e al Parco archeologico è previsto «Calma Musa Immortale», lo spettacolo realizzato in sinergia con Fondazione Brescia Musei per il ritorno della Vittoria Alata in città, e il comparto di via Milano accoglierà il progetto «La città dei Miti», una suite giornaliera di tre spettacoli a forte impatto emotivo incentrati sulla rivisitazione dei miti. La rassegna al Chiostro Santa Chiara punta decisamente al divertimento e all’ironia ed ha per protagonisti alcuni dei maggiori artisti della scena nazionale. Apre (29 e 30 giugno) Ugo Dighero con il recital «Mistero Buffo. Il primo miracolo di Gesù bambino e La parpaja topola», due monologhi di Dario Fo e Franca Rame; si prosegue (6 e 7 luglio) con Antonella Ruggiero e Lucilla Giagnoni in «Mater spiritualis et corporalis» di Lucilla Giagnoni; Lella Costa (13 e 14 luglio) presenta il suo nuovo spettacolo «Intelletto d’amore. Dante e le donne»; Gioele Dix (20-21 luglio) con «Vorrei essere figlio di un uomo felice» prende spunto dal viaggio di Telemaco in cerca di Ulisse per raccontare la storia dei figli che devono lottare per meritare l’eredità dei padri; chiude (27-28 luglio) Michela Murgia con «Don Giovanni, l’incubo elegante» in cui riflette sui rapporti tra universo maschile e femminile. «Calma Musa immortale» è uno spettacolo itinerante che parte dall’Auditorium di Santa Giulia e si conclude nella cella in cui è custodita la Vittoria Alata. È stato scritto da Marco Archetti, in collaborazione con Silvia Quarantini, e la regìa è di Fausto Cabra. Un cicerone insolito e tecnologico guiderà piccoli gruppi di spettatori in un viaggio nel tempo attraverso luoghi segnati dalla storia della nostra città, dove potranno rivivere le storie di uomini e donne che nei secoli hanno subìto il fascino della Calma Musa. Sei recite giornaliere: alle 19, 19.45, 20.30, 21.15, 22 e 22.45 nelle date 18, 19, 20, 24, 26 e 27 giugno. «La Città dei Miti» è una trilogia, scritta da Fabrizio Sinisi e realizzata in collaborazione con teatro dei Borgia, Cooperativa La Rete e Gruppo Brescia Mobilità, che viene proposta tutti i giorni dal 29 al 10 luglio. Al Bistrò Popolare (via Industriale 14) ogni giorno alle 19 Christian Di Domenico va in scena con «Eracle, l’invisibile» tratto da Euripide per creare un parallelismo tra l’eroe classico e la figura contemporanea di un marginalizzato senzatetto; alle 21, alla Corte dei lavatoi delle case di via Mazzucchelli, Daniele Nuccetelli interpreta «Filottete dimenticato» da Sofocle e la vicenda dell’eroe piagato viene collocata in una odierna Rsa. Alle 22, con partenza dal Piazzale Iveco, viene proposto «Medea in Via Milano» con Elena Cotugno, spettacolo itinerante a bordo di un autobus. La regìa è di Gianpiero Alighiero Borgia. Gli abbonamenti sono in vendita da oggi, i singoli biglietti dal 15 giugno.•. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Francesco De Leonardis

Suggerimenti