AFGHANISTAN

L'arma economica contro i talebani

Gli analisti dei governi Nato e G7 stanno valutando se l’arma economica potrà avere un effetto dissuasivo sui talebani, tale da non ostacolare l’evacuazione degli afgani che hanno collaborato con l’Occidente e poi proteggere quei milioni che, avendo assaporato la libertà, non vogliono rinunciarvi e sono a rischio di repressione. Il dialogo con i talebani è improbabile: pecca di ingenuità chi lo propone. Ma la dissuasione potrebbe essere efficace. Infatti l’America ha bloccato le riserve della Banca centrale afgana, il Fondo Monetario e l’Ue hanno sospeso i finanziamenti. Altre misure di isolamento economico sono allo studio. Si consideri che i talebani sono una minoranza e che hanno raccolto il consenso di molte tribù promettendo soldi. Ma un isolamento economico non permetterebbe ai talebani di pagare. Inoltre, questi non hanno capacità di governo. Pertanto l’arma economica e il blocco dell’importazione di competenze potrebbero avere efficacia e perfino portare ad una sconfitta dei talebani stessi per ribellione della popolazione. Ma Cina e Russia stanno valutando una convergenza con i talebani, sia per evitare infezioni islamiste nei loro territori sia per cogliere opportunità, per esempio minerarie. Se ciò succedesse, l’arma dell’isolamento sarebbe annullata. Pertanto sarà di enorme rilevanza, oltre che la riunione G7 nei prossimi giorni, quella straordinaria del G20 intelligentemente voluta da Draghi con lo scopo di convincere Cina e Russia a collaborare per l’isolamento dei talebani. Possibile? Partita aperta.

Carlo Pelanda

Suggerimenti